In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

La Mafia e i lavori degli ospedali, sequestrate le quote Tecnis per 1,5 miliardi

Calabria Cronaca

La sezione misure prevenzione del Tribunale di Catania ha disposto l’amministrazione giudiziaria della Tecnis Spa, Artemis Spa e Cogip Holding Srl, e il sequestro delle quote per un valore di un miliardo e mezzo di euro. L'intervento, richiesto dalla procura distrettuale antimafia di Catania, è stato eseguito dai carabinieri del Ros.

Alla Tecnis erano stati affidati i lavori per la realizzazione degli ospedali della Sibaritide e della Piana di Gioia Tauro. A novembre dello scorso anno, alla stessa società era stato ritirato il certificato antimafia, mentre pochi giorni fa la stessa azienda aveva rassicurato la Regione Calabria di volere onorare gli impegni assunti con gli importanti cantieri calabresi

Le indagini del Ros avrebbero documentato un presunto asservimento del gruppo imprenditoriale alla famiglia catanese di Cosa Nostra, alla quale, secondo gli inquirenti, sarebbero state garantite ingenti risorse economiche consentendogli l’infiltrazione nel redditizio settore degli appalti pubblici. La Tecnis è stata coinvolta anche nella maxi inchiesta sulle tangenti all'Anas che vede tra gli indagati anche l'ex sottosegretario Luigi Meduri.

L’OPERAZIONE di oggi va dunque a colpire tre società del gruppo imprenditoriale Costanzo-Bosco Lo Giudice, attive nel settore della realizzazione di grandi opere infrastrutturali. Il gruppo si è sempre detto estraneo a presunti rapporti sia con la mafia siciliana che con quella calabrese. L’imprenditore Costanzo, tra l’altro, aveva anche denunciato e fatto arrestare alcuni affiliati alla ‘ndrangheta che avrebbero richiesto il pagamento del pizzo sui lavori dell’A3 Salerno-Reggio Calabria. Gli investigatori dell’Arma, però, sospettano rapporti con il clan Santapaola, rapporti che sarebbero stati documentati da intercettazioni e appostamenti.