In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Giovani FI riuniti a Antonimina: candidati alle elezioni, “necessario un volto nuovo”

Reggio Calabria Politica

Si è svolta ad Antonimina, su convocazione del componente della Direzione Nazionale di FIG, Giuseppe Pelle, insieme al componente del Coordinamento Provinciale di Forza Italia Reggio Calabria, Giovanni Genovese, un’importante assise dei giovani forzisti a cui hanno partecipato numerosissimi dirigenti e attivisti del movimento provenienti da tutto il territorio provinciale.

Tra questi vi erano i membri del coordinamento provinciale di Forza Italia Francesco Bruzzaniti, sindaco di Africo, e Vincenzo Primerano; i delegati nazionali e regionali di Forza Italia Giovani Giovanni Ruggiero, Giuseppe Spanò, Alberto Romano, Ugo Bonavita, Michelangelo Rottura ed il già coordinatore di Reggio Calabria Città Metropolitana Giuseppe Latella; i vice coordinatori provinciali Valerio Larizza per l'area reggina, Pietro Di Certo per l'area tirrenica e Marco Cavaleri per l'area Jonica e tutti i coordinatori cittadini guidati dal coordinatore provinciale Salvatore Cirillo.

L’argomento di discussione sono state le vicine elezioni per il rinnovo del Parlamento nazionale, per le quali i giovani di Forza Italia hanno espresso la volontà di spendersi e agire da protagonisti, “così come è sempre avvenuto in ogni competizione elettorale che si è svolta da quando, oltre tre anni fa, sono stati costituiti tutti gli organismi provinciali, metropolitani e locali del movimento giovanile azzurro” viene ribadito.

I partecipanti hanno voluto ricordare come dalle elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo, a quelle di secondo livello per l’elezione del Consiglio Metropolitano e dalle Regionali fino a quelle per Consigli comunali, il loro impegno “incessante – affermano - è servito a contribuire all’elezione di numerosi rappresentanti istituzionali ed a far eleggere vari consiglieri comunali ed alcuni sindaci, provenienti dalle loro file”.

Lo hanno fatto soprattutto, sottolineano i partecipanti, “sotto la guida lungimirante di Jole Santelli, che ha sempre inteso percorrere la strada del rinnovamento generazionale del partito, valorizzando l’entusiasmo, ma anche la competenza e la preparazione politica dei giovani dirigenti”.

Giovani dirigenti che hanno voluto, anche, evidenziare come l’efficacia del loro apporto sul territorio “sia stata pure determinata dall’incessante contributo ricevuto dagli organismi nazionali e regionali di FIG ed in particolare dal movimento universitario degli Studenti per Le Libertà (SpL), la casa da cui provengono i giovani che hanno creato gli organi di FIG in provincia di Reggio e di cui è presidente nazionale il conterraneo Peppe Romeo che ha svolto, in questi anni, una proficua e costante azione di collegamento tra i quadri dirigenziali superiori di FIG e quelli provinciali”.

Dopo queste premesse, si è votato ed approvato un documento per esprimere ufficialmente una richiesta agli Organi di Forza Italia preposti alla scelta dei candidati, con cui si è puntualizzate “le evidenti circostanze, tra cui il proprio, già citato, costante impegno a favore di tutto movimento e l’acquisizione sul campo di esperienza e competenza da mettere al servizio del possibile raggiungimento del prefissato rinnovamento dei quadri di FI, perseguito da sempre da Jole Santelli”.

“Per questo – è stato spiegato dai giovani Fi - si rende opportuno e necessario mettere al servizio del partito l'innovazione e l'entusiasmo per la discesa in campo diretta mediante una candidatura in un territorio, come la nostra amata provincia, vessata da anni di politica non rappresentativa ed inconcludente”.

Si ritiene, inoltre che nella candidatura di un volto nuovo e giovane, formato nelle file di Forza Italia, possa ricadere la speranza degli elettori “di poter vedere un mutamento radicale e finalmente positivo dell’approccio politico-istituzionale tra rappresentante eletto e il proprio territorio".