In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Regione, in dotazione 12 milioni di euro per le reti territoriali

Calabria Attualità

Il Dipartimento regionale “Lavoro e politiche sociali” comunica che, con decreto, è stata approvata la versione definitiva dell’avviso “Reti Territoriali per la Conciliazione tra i tempi di vita e di lavoro”.

Con una dotazione finanziaria di circa 12 milioni di euro, a valere sul Por Calabria 14-20, il bando regionale ha l’obiettivo di sostenere l’occupazione femminile e di favorire lo sviluppo di Reti territoriali di conciliazione.

I soggetti beneficiari sono le Reti territoriali di conciliazione già costituite o da costituire, composte da massimo dieci soggetti tra pubblici e privati che opereranno sulla base di un Accordo di genere per la messa in rete di servizi e interventi nell’Ambito territoriale di riferimento.

Sono soggetti ammissibili all’avviso: Ambiti territoriali della Calabria; Centri per l’impiego; associazioni di categoria, sindacati, enti bilaterali; soggetti del terzo settore, del privato sociale e del volontariato; ordini, collegi, associazioni professionali; soggetti pubblici o privati portatori di interessi diffusi e coerenti con le finalità della rete. Tutti i soggetti aderenti alle Reti o sottoscrittori dell’Accordo devono avere sede operativa in Calabria.

“È una misura innovativa – dichiara il Presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio – con un duplice scopo: diminuire il carico familiare a favore delle numerose donne che hanno bisogno di supporto in materia di conciliazione vita-lavoro e sostenere le realtà sociali che si occupano sul territorio regionale di infanzia e adolescenza e che potranno beneficiare dei bonus servizio erogati alle donne”.

“Con l’impiego delle risorse del Fondo sociale europeo – conclude – la Regione potenzierà pertanto la qualità dei servizi per l’infanzia e l’adolescenza e i percorsi occupazionali delle donne calabresi”.

Il costo totale ammissibile del progetto presentato a valere sul presente avviso non deve essere superiore a 350mila euro nel caso di un progetto ricadente in un unico Ambito e nel caso di progetti ricadenti in due o più Ambiti limitrofi non deve essere superiore a 500mila euro. La tempistica massima concessa per l’esecuzione e la rendicontazione degli interventi è pari a 24 mesi dalla data di sottoscrizione della convenzione.

Le istanze di partecipazione potranno essere presentate a partire dalle 12.00 del quindicesimo (15°) giorno ed entro le 12.00 del sessantesimo (60°) giorno dalla data di pubblicazione dell’avviso sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria.

Pena l’esclusione, la domanda di partecipazione va inoltrata attraverso la piattaforma informatica regionale http://avvisi.regione.calabria.it (piattaforma Avvisi) previa procedura telematica di registrazione.

Tutti i dettagli, la documentazione e gli interventi finanziabili sono consultabili nella pagina del bando correlata a questa news: http://calabriaeuropa.regione.calabria.it/website/bando/320/index.html