In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

“Insegui l’arte”, alla scoperta dei borghi tra Badolato e Sant’Andrea

Catanzaro Attualità

L’associazione Culturale “Elicriso” ha promosso l’evento “Insegui l'arte”, giunto alla sua terza edizione, che si svolgerà nei borghi di Badolato e Sant’Andrea Apostolo dello Ionio fino al 27 agosto.

Insegui L’Arte nasce come itinerario artistico e culturale, con lo scopo di far conoscere i borghi ai tanti visitatori che durante il periodo estivo popolano le coste calabresi e di stimolare negli abitanti la voglia di riappropriarsi dei propri luoghi relegati, ormai, a luoghi della memoria.

L’itinerario artistico, lungo il quale vengono allestite le mostre e le installazioni, attraversa l’intero centro storico. Il visitatore, guidato da una mappa, si perde nel borgo e nelle sue caratteristiche “vinèhṛe” alla scoperta di ruderi, catoja, chiese, conventi, vecchie dimore e nobili palazzi che, per l’occasione, vengono prestati all’arte.

Attraverso le mostre si vuole dare spazio e visibilità ai nuovi talenti della scena artistica contemporanea, calabrese e nazionale; uno spazio alternativo al classico circuito delle gallerie, in un contesto libero e che esuli dalla visita fine a se stessa.

Il percorso artistico creativo, inoltre, diventa motivo di aggregazione e socializzazione grazie alla partecipazione attiva di tutti i giovani coinvolti e di tutte le realtà presenti sul territorio; la relazione, dunque, come elemento essenziale per la crescita socio-culturale delle Aree periferiche coinvolte.

Possiamo definire “Insegui L’Arte” Festival della ri-conoscenza, un progetto di “inclusione” in grado di accogliere le diversità, sostenendole attraverso un percorso teso a potenziare le capacità di ogni singolo individuo. Peculiarità principale è di essere itinerante: il Festival, ideato e creato nel borgo di Sant’Andrea, quest’ anno approda nel borgo medievale di Badolato, creando, quindi, un ponte di incontro e scambio culturale tra i due borghi che vivranno, per tutta la durata della manifestazione, questo gemellaggio artistico.

Le antiche vie dei due borghi verranno animate, non solo grazie alla presenza delle mostre e delle installazioni, ma anche e soprattutto alle innumerevoli attività che si susseguiranno durante l’intero arco della Kermesse.

Sono previsti tre laboratori, riguardanti l’arte della ceramica, l’etnomusicologia e le arti figurative. Numerosi sono i convegni/dibattiti che saranno utili come momento di riflessione su temi quali: l’accoglienza e l’integrazione dei migranti, l’operato dei volontari e missionari nei campi profughi e in Africa, la tutela e la valorizzazione del patrimonio naturalistico e demo-etno-antropologico.

Ci saranno come sempre gli incontri letterari con gli autori che presenteranno i libri scelti per questa terza edizione. Ed infine, non mancheranno gli appuntamenti con la musica, il teatro, la danza e l’enogastronomia.

Un lungo viaggio visivo, sonoro ed olfattivo che, attraverso le corde di uno strumento ad arco, l’incontro tra i versi danteschi e shakespeariani, le armonie pucciniane, un’arabesque che si contrappone ai battiti di un cantastorie inebriato dal vino, sarà in grado di suggestionare anche i sensi più pigri.