In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Traffico di droga, dieci arresti tra Calabria e Lombardia

Calabria Cronaca

Dieci persone, prevalentemente di origini calabresi, sono state raggiunte stamani da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e sono indagate, a vario titolo, per associazione finalizzata al traffico illecito ed alla detenzione illegale di sostanze stupefacenti.

Il provvedimento, eseguito dal Centro operativo Dia di Milano nell'ambito dell'operazione denominata "Linfa", è stato emesso dal Gip su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo lombardo.

L’attività ha portato al sequestro complessivo di 129 chili di droga, permettendo di disarticolare un’organizzazione criminale, "connotata da una notevole forza d’intimidazione che - sottolineano gli inquirenti - deriverebbe da forti e documentati collegamenti con la ‘ndrangheta calabrese" e che avrebbe imposto, nel tempo, e soprattutto sul territorio lombardo, la propria egemonia nel traffico di ingenti quantitativi di cocaina e marijuana.

Le indagini, durate circa un anno, sono risultate anche determinanti per lo sviluppo di altri procedimenti in capo alla Dda milanese e che riguardano sia il traffico di droga che l’associazione mafiosa in Lombardia e in Calabria, consentendo finora il sequestro di 6 kg di cocaina, 20 di marijuana e di circa 40 mila euro in contante, oltre all’arresto di altre tre persone che ritenute legate agli arrestati di oggi.

GLI ARRESTATI

A finire in manette sono Giuseppe Morabito, 48enne di Rosarno considerato collegato alle famiglie Bellocco e Pesce. Per gli inquirenti avrebbe fatto la spola la Svizzera, dove risiedeva, e l’Italia. La Dia ha aspettato che rientrasse nel nostro paese, nel pavese, fermandolo a bordo di un’auto con targa svizzera mentre era insieme ad Antonio Curciariello, 50 anni, anch’egli calabrese ma residente a Legnano.

Un altro dei personaggi considerati “di spicco” e finito in arresto è il 47enne Francesco Cicino, ritenuto a sua volta legato a Carmelo Novella, il boss della ‘ndrangheta che fu assassinato nel giugno del 2008 a San Vittore Olona, nel milanese.

(aggiornata alle 11:28)