In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Regione: il PSR Calabria a sostegno delle start-up innovative

Calabria Attualità

Il Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari rende noto che sul sito internet www.calabriapsr.it è stato pubblicato il bando per la presentazione di domande di adesione alla Misura 6 del PSR Calabria 2014/2020, intervento 6.2.1 "Aiuto all’avviamento per nuove attività non agricole nelle aree rurali", annualità 2017.

Il bando riveste una grande importanza, in quanto è rivolto al sostegno di nuove attività imprenditoriali extra-agricole nelle zone rurali. Il PSR Calabria 2014/2020, con una dotazione finanziaria di 3.500.000 euro, mira a creare nuove opportunità occupazionali e a migliorare il reddito delle famiglie, attraverso il sostegno alla nascita di nuove imprese, le cosiddette start-up, allo sviluppo della multifunzionalità delle aziende agricole ed alla diversificazione delle attività economiche nelle aree rurali.

Attraverso la Misura 6.2.1, il PSR intende quindi sostenere una nuova imprenditorialità innovativa e qualificata, a vantaggio in particolare delle nuove generazioni e delle aree più deboli della regione,promuovendo contestualmente l’innovazione e le nuove opportunità offerte dagli interventi strutturali sulla banda larga e ultra-larga.

Il sostegno è concesso sotto forma di premio forfettario per lo start-up aziendale dell’importo di 50.000 euro.

I piani aziendali dovranno essere caratterizzati da un significativo contenuto tecnologico e innovativo; mirati allo sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale; finalizzati alla valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata; mirati allo sviluppo dei servizi alla persona. I settori interessati riguardano l’ambiente e la green economy, le soluzioni innovative per la riduzione degli impatti dei cambiamenti climatici sul territorio, la bioeconomia, la bioedilizia, i servizi Tic, i servizi sociali e l’artigianato e la manifattura innovativi.

Le domande dovranno essere presentate attraverso il portale Sian entro il 15 giugno 2017.