In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

8 marzo. Coldiretti: donne presenza fondamentale nell’agricoltura calabrese

Calabria Attualità

E’ stata una rivoluzione silenziosa ma ormai percepibile quella che è avvenuta in agricoltura e che ha trasformato la vita delle donne, ed è tutt’altro che completa perché la presenza della componente femminile nella gestione delle imprese in Calabria è ormai una realtà. La crescita della multifunzionalità delle aziende agricole – sottolinea Coldiretti Calabria – resa possibile grazie alla legge di orientamento fortemente voluta dalla Coldiretti (la numero 228 del 18 maggio 2001) ha rivoluzionato e allargato i confini dell’imprenditorialità agricola e consentito al mondo femminile di interpretare in chiave innovativa le opportunità offerte dal mondo rurale.

“Il protagonismo rosa nella nostra regione - commenta Pietro Molinaro Presidente di Coldiretti Calabria - si è concretizzato soprattutto nell’agriturismo, oltre che nelle attività di educazione alimentare ed ambientale con le scuole, le fattorie didattiche, gli orti didattici e la presenza nei mercati di vendita diretta di Campagna Amica. Oltre il 40% di imprese agricole sono al femminile e nella loro attività imprenditoriale le donne agricoltrici - prosegue – hanno dimostrato capacità di coniugare insieme agli impegni familiari l’accoglienza e l’ospitalità negli agriturismi con la sfida del mercato, il rispetto dell’ambiente e la tutela della qualità della vita a contatto con la natura assieme alla valorizzazione dei prodotti tipici locali".

"Ai motivi enogastronomici e di gestione dell’impresa – ricorda ancora Molinaro – si abbina spesso anche la capacità delle donne di far scoprire il territorio con percorsi che toccano bellezze archeologiche, i piccoli borghi, e le eccellenze naturalistiche. Proprio la mimosa il fiore simbolo di questa giornata, oltre ad essere un importante valore ambientale, da il tono alla figura femminile assumendo il significato di autonomia e libertà, ma è anche un fiore che dietro una fragilità apparente mostra una grande forza con la capacità di crescere anche in terreni difficili. L’augurio non è per un solo giorno perché è centrale il ruolo economico delle donne nella vita di tutti i giorni e l’enorme valore che aggiungono al sistema socio-economico, lavorando, curando i figli, aiutando gli anziani, insegnando, facendo acquisti per la famiglia, volontariato e tanto altro.”