In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Lavoratori Tim verso lo sciopero. Domani assemblee in Calabria

Calabria Cronaca

«Domani mattina i lavoratori calabresi Tim parteciperanno alle assemblee pubbliche organizzate da Slc Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom Uil e Ugl Telecomunicazioni, in tre piazze simbolo di Catanzaro, Cosenza e Reggio Calabria, per discutere delle problematiche che la dirigenza di Tim ha posto sul tavolo, con la disdetta dell’accordo integrativo sottoscritto il 14 maggio 2008 e dell’assurda proposta presentata dall’azienda per il suo rinnovo». Lo annunciano in una nota stampa unitarie le segreterie regionali coinvolte. Nel capoluogo la manifestazione avverrà in piazza Matteotti, a Reggio in piazza Italia e a Cosenza in piazza 11 Settembre.

«Tim - spiegano - con un sol colpo cancella 30 anni di storia, azzerando tutti i diritti che con fatica i lavoratori hanno conquistato nel tempo. La proposta dell’azienda, tesa esclusivamente alla riduzione dei costi, scarica sul personale i disastri causati dal management aziendale con sprechi e disorganizzazioni vari. L’obiettivo, nemmeno troppo latente, è quello di abbassare il costo del lavoro riducendo il salario dei lavoratori. I lavoratori e il sindacato non possono accettare le imposizioni aziendali, utili solo a raggiungere l’obbiettivo dell’amministratore delegato (bonus di 55 milioni di euro) se porta a casa in 2 anni, un risparmio di 1,6 miliardi di euro. Non siamo contrari a risparmi, ma solo se gli stessi pervenissero dalla cessazione di tutti gli sprechi ed i privilegi di cui il management aziendale è responsabile. I lavoratori hanno già pagato tanto, soprattutto per la drastica riduzione del "Premio di Risultato",dimezzato per il 2013 e 2014 ed annullato per il 2015 e 2016, considerando che l’azienda non ha alcuna intenzione di ricontrattarlo. I lavoratori hanno già dato con l’aumento della produttività a seguito dell’accordo del 27 marzo 2016 e continuano a pagare un prezzo altissimo per il mancato rinnovo del Ccnl scaduto a dicembre 2014».

«Oggi sarebbe tempo di riscuotere e non di continuare a pagare, per questo la proposta di Tim è da restituire al mittente. Sarebbe ora di sedersi seriamente intorno ad un tavolo per discutere di un serio piano industriale che rilanci l’azienda e di trovare un’intesa seria sull’integrativo aziendale. Tale intesa non può essere condizionata dalla disdetta unilaterale che Tim ha fatto. Subito dopo l'assemblea - concludono le segreterie - chiederemo un incontro ai prefetti di Catanzaro, Cosenza e Reggio Calabria per segnalare il grande disagio dei lavoratori e le possibili ripercussioni per la clientela in occasione dello sciopero nazionale di martedì 13 dicembre».