In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Voucher. Giovani consulenti del lavoro: ecco cosa cambia

Calabria Attualità

Il Governo, con il decreto legislativo 185/2016, ha introdotto delle disposizioni che vanno ad integrare e modificare gli obblighi di comunicazione della prestazione di lavoro accessorio in funzione di una loro maggiore tracciabilità e di una distinta disciplina sanzionatoria"

Le nuove modalità, spiega Giuseppe Rubino dell'Associazione Giovani Consulenti del Lavoro, sono indicate dall'art. 49, comma 3, del Dlgs. 81/2015, come modificato dal decreto correttivo, e richiama con alcune particolarità quanto già stabilito con il lavoro intermittente.

Per i committenti non agricoli o professionisti si prevede che la comunicazione preventiva venga effettuata, almeno 60 minuti prima dell'inizio della prestazione lavorativa alla sede territoriale competente dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro, mediante una e-mail agli indirizzi di posta elettronica creati appositamente, comunicando i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore; i giorni di inizio della prestazione e poi il luogo, l'ora di inizio e di fine della prestazione.

Le e-mail – ricorda ancora Rubino - dovranno essere prive di qualsiasi allegato e dovranno riportare i dati del committente e quelli relativi alla prestazione di lavoro accessorio. Eventuali modifiche o integrazioni delle informazioni già trasmesse dovranno essere inviate non oltre 60 minuti prima dell'inizio della prestazione.

Per gli imprenditori agricoli la comunicazione dovrà essere effettuata entro lo stesso termine di 60 minuti prima della prestazione lavorativa ma con contenuti parzialmente diversi, comunicando i dati anagrafici o codice fiscale del lavoratore, luogo della prestazione durata della prestazione con riferimento ad un arco temporale non superiore a tre giorni, ciò per tener conto della specificità del lavoro agricolo e della difficoltà del committente di prevedere ex ante la durata della prestazione ed il numero esatto dei lavoratori da utilizzare a causa del condizionamento dell'attività agricola da parte di fattori metereologici.

“Va sottolineato che – ribadisce l’Associazione dei Giovani Consulenti - resta ferma la dichiarazione di inizio attività già prevista nei confronti dell'Inps, l'assenza di tale dichiarazione comporterà l'applicazione della maxi-sanzione per lavoro nero. Le sanzioni amministrative per la violazione dell'obbligo di comunicazione vanno da 400 a 2.400 euro in relazione a ciascun lavoratore”.

L'Ispettorato segnala poi che il personale ispettivo terrà in debito conto, sul rispetto dei nuovi obblighi nell'attività di vigilanza, l'assenza di indicazioni operative nel periodo intercorso tra l'entrata in vigore del Dlgs.185/2016 e della circolare n.1/2016 e che sarà, inoltre, possibile definire l'utilizzo del sistema di comunicazione tramite Sms.