In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Magorno (Pd): “Sostegno all’iniziativa di Vallone sula vertena Eni”

Calabria Politica

Crotone e i suoi cittadini aspettano da trent’anni la risoluzione di una vertenza con l’Eni che ha portato la città ad un livello di criticità ambientale e socio – economico non più sostenibile. Il percorso delineato dal Comune guidato da sindaco Peppino Vallone rispetto all’istituzione di un tavolo di discussione con il coinvolgimento dell'ENI, della città di Crotone e della Regione Calabria non solo è condivisibile ma deve essere sostenuto con determinazione”. E’ quanto afferma il segretario regionale del Partito democratico calabrese, Ernesto Magorno rispetto alla richiesta del Comune di Crotone di sollecitare all’Eni una concreta bonifica degli ex siti industriali. In merito, il sindaco di Crotone ha inviato una lettera al presidente del consiglio dei ministri, e segretario nazionale del Pd, Matteo Renzi.

“La popolazione di Crotone è esasperata – dice ancora Magorno -. Nel corso degli anni ha visto progressivamente indebolire il tessuto socio-economico del proprio territorio, sacrificando il proprio patrimonio ambientale e naturalistico nel nome di un progresso mancato che ha restituito solo negatività. E’ arrivato il momento di guardare agli interessi della comunità invece che al business. Il Partito democratico calabrese sostiene la battaglia intrapresa dal consiglio comunale di Crotone con in testa il sindaco Vallone, anche attraverso l’azione della propria rappresentanza parlamentare. A tal fine, infatti – conclude Magorno – domani a Catanzaro una delegazione di parlamentari incontrerà il sindaco Peppino Vallone, una delegazione di amministratori e il segretario provinciale del Pd di Crotone, Arturo Pantisano, per avviare un percorso comune che porti alla definizione della vertenza proiettando l’urgenza delle istanze nelle maggiori sedi istituzionali”.