In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Eurospin: quell’eldorado crotonese ricompensato con personale forestiero

10 novembre 2017, 08:47 Calabria Domani | di Rodolfo Bava

Illustrissimo Sig. Sindaco Ugo Pugliese, non so se si sia premurato di presenziare all’inaugurazione, avvenuta questa mattina, del nuovo punto vendita Eurospin di Crotone ma, soprattutto, se abbia avuto il tempo di gironzolare tra i vari reparti del supermercato.

Ebbene, se ha effettuato una visita, anche se rapida, avrà senz’altro notato che tutto il personale che si incontra - sia di sesso femminile che di sesso maschile - non è di Crotone. Lo si è compreso dall’accento delle cassiere e del personale addetto alla sistemazione della merce, che non evidenziava una cadenza locale.

Se, invece, non ha avuto una simile possibilità, siamo noi ad averlo constatato e a denunciare quello che a noi pare una “ingiustizia” nei confronti della città e dei suoi cittadini.

Ci appare veramente un assurdo! Eurospin - constatando l’afflusso di persone di questa mattina - ha trovato l’eldorado in questa nostra città, pertanto appare inconcepibile che debba “ricompensarci” con della manodopera non locale.

In tutti gli altri supermercati esistenti nel nostro centro - anche se i proprietari sono forestieri - le persone impiegate sono crotonesi o del crotonese.

Dimenticavamo un’altra “perla” elargitaci. Da un opuscolo in distribuzione nel supermercato, abbiamo appreso che Eurospin dispone di vini provenienti da tutta Italia: ad eccezione di Calabria, Lucania, Lazio e Liguria. Il nostro “Cirò”, insomma, è meglio andare a comprarlo nei supermercati del Centro Nord!

Ella – ill.mo Sig. Sindaco – dovrebbe tutelare i giovani disoccupati della nostra città, a costo di fare la voce grossa nei confronti del proprietario del nuovo market. In tale speranza e fiduciosa attesa, la ringraziamo e le porgiamo molti ossequi.

Rodolfo Bava