In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Mappe, Carte e Viaggi Meravigliosi, la Società Geografica Italiana compie 150 Anni

Nell’introduzione al libro di Renzo Manzoni, El Yèmen (EDT, 304 pagine, 17,50 euro), Francesca Sanvitale ci guida attraverso la conoscenza del nipote del più famoso Alessandro e ci spiega com’è nata la letteratura da viaggio facendo riferimento soprattutto ai Paesi del Medio Oriente. ‘Geografo, etnologo, botanico, padrone della lingua araba, ottimo fotografo, disegnatore, cartografo e incisore’, nonostante le numerose qualità, la memoria di Renzo Manzoni cadde nell’oblio e se non fosse stata riprodotta integralmente la prima delle tre parti di questo diario di viaggio a scopo scientifico avvenuto tra il 1877 e il 1878, di lui non sapremmo più nulla.



Patrizia Muzzi | Cambio Quotidiano Social


La Società Geografica Italiana nacque qualche anno prima a Firenze e fin dall’inizio organizzò e patrocinò spedizioni e viaggi di scoperta in Asia Centrale, Africa, Sudamerica e Regioni Polari. L’attività di esplorazione, spesso connessa alla politica coloniale italiana, fu abbandonata dopo la seconda guerra mondiale.

‘Dopo le imprese napoleoniche, L’Oriente era divenuto popolare’ racconta Sanvitale, e ‘sotto la voce ‘conoscenza’ si mescolarono molte spinte diverse: scrittura, avventura, eccentricità, erotismo e politica…’

I viaggi colmeranno ‘l’ignoranza del mondo’ e ‘l’Ottocento sarà il secolo delle grandi scoperte archeologiche’. In tutto questo scenario gli italiani sembrano latitare, e Renzo Manzoni appare come uno dei pochi capace di ‘colmare un vuoto vistoso nella nostra cultura e letteratura di viaggio, in particolare per l’Estremo Oriente.’

Forte emozione per me, nello scoprire che la Società Geografica Italiana possiede proprio il manoscritto originale dei suoi viaggi nell’Arabia felice e che in occasione dei 150 anni di attività ha dato la possibilità di prenderlo in ‘adozione’ per permetterne il restauro.

Sarebbe interessante capire come mai a differenza di altri esploratori, sia stato cancellato dalla memoria un uomo che altrove sarebbe celebrato sui libri di storia.

Gli esploratori avevano spesso competenze molto eterogenee: le Società Geografiche svolgevano un ruolo nella preparazione di questi ecclettici personaggi.

La vita da esploratore s’intreccerà inevitabilmente a quella di spia.

Nel romanzo Bussola (Edizioni E/O, 448 pagine, 19 euro), Mathias Enard racconta di come molti (donne incluse) tra archeologi, linguisti, specialisti di scienze religiose, storici, geografi, letterati, etnologi fossero diventati utili ai militari e ‘avessero messo le proprie conoscenze a servizio della nazione europea di cui erano cittadini. Alcuni per convinzione nazionalista, altri per il vantaggio economico o accademico che potevano trarne, altri a loro insaputa’.

La Società Geografica Italiana possiede una Biblioteca ricca di volumi preziosi, atlanti antichissimi, carte geografiche, documenti spesso inediti accessibili anche al pubblico. Diverse sono le opere da restaurare e a questo link si possono scoprire le opere da adottare: http://societageografica.net/wp/it/adotta-un-documento/

Terminata l’epoca delle grandi scoperte, la Società Geografica si è trasformata in istituto culturale ed ente di ricerca. Attualmente si occupa della formazione del personale docente, collabora con organizzazioni internazionali come UNESCO, UNICEF, ONU. Organizza inoltre mostre, convegni, escursioni scientifico-culturali, iniziative editoriali. Dal 2008 realizza ogni anno il Festival della Letteratura da Viaggio, manifestazione dedicata al racconto del mondo attraverso diverse forme di narrazione del viaggio, di luoghi e di culture.

La Società Geografica Italiana organizza, in occasione dei suoi 150 anni, visite guidate della sua sede nello storico Palazzetto Mattei, del XVI secolo, in Villa Celimontana, con esposizione di carte geografiche, materiali d’archivio, libri antichi e fotografie. Le visite si ripeteranno per una volta al mese nell’arco di tutto il 150°, per gruppi di massimo 30 persone e su prenotazione.


Per maggiori informazioni

Sito web : www.societageografica.it