In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

“Impresa” Nicola, 9° tappa. Arenzano-Asti, il Turchino rosso fuoco ed il “matto” vede casa

18 giugno 2017, 09:05 Trasferta Libera

Nona e penultima tappa, Arenzano-Asti 115 km. Ci si prepara con una bella pasta con il peperoncino a colazione. Alla partenza in albergo si fa trovare pronto Stefano Bettella ex calciatore, che ha ricoperto il ruolo di difensore e ex compagno di squadra di Davide Nicola nel Genoa, che proseguirà in bici per parecchi chilometri.


dalla nostra inviata Cinzia Romano | Trasferta Libera

Il giro di oggi è appena iniziato ma le sorprese non finiscono qui. Il sindaco di Arenzano dà appuntamento a mister Nicola ai Bagni Miramare e organizza una “Carrambata”: incontro con l'ex tecnico rossoblú Gianpiero Gasperini che accompagnerà il gruppo per qualche km prima di salutare.

Nel tragitto si unisce Matteo Bertrand, 23 anni, ex portiere di calcio che ha deciso di cambiare sport e scegliere il ciclismo. Appena ha saputo del passaggio di Davide Nicola, lo ha atteso per una pedalata di parecchi chilometri in vista della gara di domani a Empoli nel Gran Premio della Montagna.

Nella prima parte del tragitto si sale il Passo del Turchino, che nella Milano-Sanremo è il punto più alto e quello più impegnativo: anche il gruppo di Davide Nicola ha provato l'ebrezza della salita, il tutto avvolto da una temperatura che ha oscillato dai 33 ai 36,5 gradi, rendendo il “Turchino” un caldo rosso fuoco.

Giunti a Portanova e fermati per un attimo all'ombra di una villetta, due simpatici coniugi, chiedendo se c'era bisogno di qualcosa, hanno offerto dell'acqua e dopo aver riconosciuto mister Nicola, che a detta loro era “quel matto di allenatore che stava facendo 1400 km in bici”, hanno chiesto un autografo e consigliato il percorso migliore da fare per raggiungere Asti.

Il caldo torrido ha accompagnato ogni pedalata, fino alla fine della tappa. Nove giorni fa si partiva dallo stadio Ezio Scida di Crotone pensando ai tanti chilometri da percorrere, oggi si ha la certezza che è stata dura ma che, non mollando mai, si compiono imprese.

L'ultima tappa sarà l'epilogo di una scommessa sportiva iniziata per gioco ma che, giorno dopo giorno, si è scoperta essere molto di più di una semplice pedalata.

Ti potrebbe interessare anche:

  1. “Impresa” Nicola: tra selfie e abbracci tutta la jonica saluta la prima tappa in bici
  2. “Impresa” Nicola, 2° tappa. L’arrivo a Bari e le chiappe stanche dei “cavalieri della Gloria”
  3. “Impresa” Nicola, 3° tappa. La festa si sposta in Puglia, Trombino: come il Crotone, prima in salita poi di corsa
  4. “Impresa” Nicola, 4° tappa. Tra i Trabocchi si strabocca: pedali stanchi ma non ci si arrende
  5. “Impresa” Nicola, 5° tappa. Il viaggio e il messaggio: si può fare, insieme
  6. “Impresa” Nicola, 6° tappa. Pit stop a metà del guado. Ultras Livorno: mister “uno di noi”
  7. “Impresa” Nicola, 7° tappa. A La Spezia succhiando le ruote, Boretti: mister? Abituati ai suoi colpi di testa!
  8. “Impresa” Nicola, 8° tappa. In direzione di Asti: la meta è in vista ma la strada si fa in salita