In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Serendipity tra pentole nuove e chiave inglesi | Venturino Lazzaro

Venturino Lazzaro | Cambio Quotidiano Social


Cari amici, buona domenica. Mentre maggio finisce, e chiudono le scuole, viene voglia, vedendo questo sole, di cominciare a ripensare al mare. Mi trovo alle soglie di un compleanno importante, rotondo, e nonostante tutto non posso non notare (dentro me) una strana, inconsueta, del tutto inattesa, serenità.


E questo stride, all'apparenza, con un mondo che invece frigge, pare bruciare, arrostirsi con le proprie mani, con giornali ansiògeni, e notiziari da cui schìzzano proclami e promesse di battaglia, di castigo, rappresaglia. Una strana e insolita serenità mi coglie in tutto questo, proprio mentre il governo forse cade, l'Europa forse esplode, forse domani piove. Una strana e inconsueta serenità mi invade nonostante gli spari sui bambini, nuovo bersaglio di una incontrollabile follìa. Ma non credo sia mancata comprensione.

Forse (invece) è quella sorta di involontaria serenità che a un certo punto mi immagino arrivasse (per prevalere) anche nei campi di sterminio, dopo la constatazione dell'orrore. E ancora prima nelle catacombe. Chissà che non sia proprio la serenità l'unico antìdoto efficace contro chi vuole suscitare solo orrore, paura, agitazione. Una inconsueta, strana serenità (del tutto involontaria, ma efficace) contro ogni abuso, ogni eccesso, prepotenza, contro ogni efferata arroganza, contro la violenza.

Mi aspetto (o almeno voglio immaginare) che con serenità passerà l'inferno, che qualcuno possa rinsavire, disinnescando bombe ormai incapaci di terrorizzare, incapaci di stupire. Serenamente si imporrà la pace. E serenemente potremo finalmente festeggiare.

Per quanto mi riguarda (è tempo di bilanci) serenamente mi accorgo di avere ancora un po' di spazio per qualche libro, qualche pentola nuova, qualche chiave inglese, e ciò mi rassicura. E poi mi devo preparare. Un soffritto straclassico non potrà mancare. Una serena pasta al forno con le polpettine. E un'insalata russa (grande) per le candeline.