In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Ambiente: tre coppie di cicogne nidificano in Calabria

Calabria Attualità

Tre nuove coppie nidificanti di Cicogna bianca sono state avvisate in Calabria nel 2013 di cui 2 a Sibari in provincia di Cosenza ed una alla Foce del Neto in provincia di Crotone. A comunicarlo è la sezione provinciale della LIPU di Rende che con i suoi volontari segue questa specie in Calabria da oltre 10 anni. Sono stati gli stessi volontari LIPU del gruppo "Cicogna bianca", Salvatore Golia responsabile dell'attività' di monitoraggio per l'area di Sibari e Giuliano Monterosso per la zona di Crotone, a rivelare l'interessante osservazione. "Tutte e tre le coppie - spiegano - nidificano su piattaforme nido, questa sorta di grosse piattaforme circolari in legno che la LIPU di Rende installa ormai da anni per attirare e favorire il ritorno di questa specie in Calabria. Per Crotone è un evento del tutto eccezionale essendo la prima nidificazione nella storia di questo territorio, la seconda in provincia di Crotone sostiene Monterosso.

Per Sibari invece le due nuove coppie di quest'anno sono una conferma di come quest'area sia particolarmente adatta ad ospitare la Cicogna bianca afferma il naturalista Golia. Sono 15 in totale - aggiungono - le coppie nidificanti in Calabria tra le province di Cosenza e Crotone, di cui nove nella Piana di Sibari, 4 nella valle del Crati e 2 nella valle del Neto (Kr). In meno di 10 anni si è passati dalle 2 coppie del 2003 (anno di lancio del progetto "Cicogna bianca") alle 15 coppie attuali di cui 14 nidificanti su piattaforme nido. Un vero e proprio successo dichiara Roberto Santopaolo, delegato provinciale della LIPU e responsabile del Progetto "Cicogna bianca", che certifica la validità del progetto messo in campo e la centralità delle piattaforme nido come elementi indispensabili per favorire il ritorno di questa specie in Calabria". (AGI)