In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Libri: fiera di Torino, Bennato e studenti di Rosarno inaugurano stand Calabria

Calabria Attualità

Una grande conquista quella di vedere inaugurato lo stand della Regione Calabria da “visitatori d’eccezione”. I giovani studenti del Liceo scientifico “Piria” di Rosarno sono stati tra i primi visitatori mattutini che hanno “calpestato” il suolo regionale trapiantato al Lingotto torinese, dove oggi ha aperto i battenti la maggiore kermesse culturale dedicata al libro. Incursione pomeridiana, e inaspettata, invece, l’ha fatta il noto cantautore Eugenio Bennato che ha omaggiato lo spazio espositivo regionale ricordando ai visitatori quanto ricca di mistero e fascino sia la Calabria.

Non si poteva sperare di meglio per questa prima giornata calabrese al Salone del Libro (che si protrarrà fino al 14 maggio) dedicato alla “Primavera digitale”; il festival quest’anno si propone come una riflessione sulle mutazioni indotte dalle tecnologie digitali su lettura, scrittura e mondo editoriale che investe soprattutto, ma non solo, le giovani generazioni. Quelle stesse su cui, maggiormente, si sta profondendo l’impegno istituzionale per la promozione dell’editoria e della lettura, come testimonia lo stesso stand regionale e i suoi ben 27 espositori tra editori e organismi culturali. I suoi tanti, tantissimi libri, hanno attirato l’attenzione dei liceali rosarnesi, soprattutto le pubblicazioni per ragazzi (così colorate) dell’editore reggino Falzea, ma anche – forse incuriositi da qualcosa di così diverso da Twitter e Facebook! – dalle ristampe anastatiche di Franco Pancallo.

La giornata inaugurale, come ogni anno, ha visto protagonisti dei “corridoi” del Salone principalmente un pubblico under 20. Complice una bella giornata di sole che ha invogliato a “marinare” la scuola? Si può perdonare questa piccola trasgressione quando, l’alternativa, è una full immersion nei libri…