In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Dia di Torino confisca 10 milioni di euro alla ‘ndrangheta

Calabria Cronaca

Un patrimonio per un valore di dieci milioni di euro a un clan della ‘ndrangheta che riciclava i proventi del narco-traffico in investimenti immobiliari e nella gestione di importanti appalti pubblici è stato confiscato dalla Direzione investigativa antimafia di Torino. Tra i beni confiscati dalla D.I.A. – informa una nota - figurano ville, abitazioni, aziende agricole e terreni edificabili ubicati in Piemonte, Lombardia e Calabria.

h 13:06 | La vicenda processuale ha seguito un doppio iter: quello penale e quello del procedimento di sequestro preventivo dei beni, chiesto e ottenuto dalla Dia sulla base delle risultanze investigative e confermato dalla decisione in primo grado del tribunale di Torino che ha disposto la confisca di tutti i beni degli indagati e anche beni di loro famigliari e di diverse società a loro riferibili in Piemonte, Lombardia e in Calabria, compresi quelli intestati a Ediltava Srl. Tra i beni, spicca la villa di Legnano di Cosimo Barranca, capo della "locale" di Milano, considerato uno dei vertici della 'ndrangheta lombarda, arrestato a luglio 2010. Nel 2011 sono state 25 le proposte di sequestro preventivo, quasi raddoppiate rispetto alle 14 del 2010 e, secondo gli investigatori, sono destinate a crescere. "L'input e' quello di dare impulso a questo tipo di attivita' - ha detto il dirigente della Dia Sergio Molino - che e' quella che veramente infastidisce e mina il potere delle cosche".