Spaccio di droga, sei giovani arrestati nel cosentino

Cosenza Cronaca

Sin dalle prime ore di questa mattina trenta militari della compagnia dei carabinieri di Castrovillari (Cosenza) sono impegnati nell’esecuzione di sei misure cautelari tra i comuni di Cassano allo Jonio, Mormanno, Morano e Civita. Destinatari dei provvedimenti alcuni giovani del posto dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Ulteriori particolari saranno resi noti nel corso di una conferenza che si terrà alle ore 9,30 presso la Sala Rapporto del Comando Compagnia di Castrovillari.

H 11:13 | Le indagini hanno avuto origine nel mese di febbraio dello scorso anno dalla disperata richiesta d’aiuto di una madre che, esasperata dai violenti comportamenti del figlio – il quale nella presente operazione non viene tratto in arresto ma soltanto segnalato alla Prefettura di Cosenza quale assuntore di sostanze stupefacenti – si è rivolta ai Carabinieri di Mormanno.

Le indagini immediatamente attivate prima sotto il coordinamento del PM di Castrovillari Dott. Baldo Pisani e proseguita poi dalla d.ssa Maria Grazia Anastasia, e svolte attraverso una delicata rete di intercettazioni e servizi di controllo e pedinamento, hanno consentito di mettere in luce una fitta rete di spaccio di eroina e cocaina che, partendo dalla nota piazza di Cassano allo Jonio, arrivava attraverso gli odierni indagati – molti dei quali nella duplice veste di assuntori/spacciatori – sino ai piccoli borghi del pollino. Uno dei punti di incontro dei predetti era proprio il faro di Mormanno, caratteristico monumento del paese, che da il nome all’ operazione.

Aspetto di non secondaria importanza è stato l’emergere di un traffico di SUBOXONE, farmaco consegnato agli iscritti al SERT quale sostituto ed inibitore dell’eroina, e che invece di essere assunto come prescritto dal programma di cura e disintossicazione veniva spacciata ai giovani di Mormanno i quali, in mancanza di altre sostanze stupefacenti, non disdegnavano di assumerlo.

Destinatari del provvedimento emesso dal GIP Annamaria Grimaldi su richiesta della Procura di Castrovillari sono: Ariante Francesco, 29 anni, Armentano Santo, 25 anni (agli arresti domiciliari) e Galizia Biagio di 23 anni, tutti di Mormanno. Alia Biagio, 38 anni, di Morano Calabro, De Jana Vito 36 anni di Civita (agli arresti domiciliari) e Marotta Rocco, 30 anni, di Cassano allo Jonio.