In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Don Giovanni Filippelli nominato assistente spirituale di Confcooperative Catanzaro-Crotone

Calabria Attualità
don-gianni.jpg
Don Giovanni Filippelli

Nei giorni scorsi l’arcivescovo di Crotone-Santa Severina, mons. Domenico Graziani, ha nominato don Giovanni Filippelli quale assistente spirituale per Confcooperative Catanzaro-Crotone.

L'assistente spirituale di confcooperative è, secondo il diritto canonico, un cappellano designato dal vescovo competente all'interno dell’associazione allo scopo di offrire un orientamento teologico, spirituale e pastorale.
È coadiuvato nel servizio dalla comunità e svolge il proprio compito in collaborazione con il presidente ed il direttore generale o eventuali figure previste dai singoli statuti.
«Da sempre – dice il presidente di Confcooperative Santo Vazzano – la nostra organizzazione si basa sulle dottrine della Chiesa, così come prevede l’articolo 1 del nostro statuto, per questo ritengo la figura dell’assistente spirituale fondamentale per il nostro cammino. Abbiamo tratto dalla dottrina sociale della Chiesa l'insegnamento dell'autonomia dalla politica e dai partiti, per una cooperazione autentica ed efficace e da questa non possiamo prescindere».

Nata nel 1919, Confcooperative sente fortemente il valore del radicamento territoriale, ed è la più antica organizzazione di fondazione cristiana.
«Siamo impegnati nella vita del nostro paese per dare valore alla politica e alla classe dirigente dei cattolici – ha poi proseguito Vazzano -. Operiamo per una mobilitazione morale, perché è nello spirito della cooperazione dare risposta alle esigenze di credito delle piccole imprese e delle famiglie, del welfare locale sociale e sanitario. L'originalità delle cooperative sta nel dare sviluppo, perchè lavorare allo sviluppo non è un lusso, ma un dovere. La solidarietà è il cuore delle cooperative. Pertanto ringrazio mons. Graziani e tutta la chiesa calabrese poiché avere l’assistente spirituale significa favorire le relazioni di comunione e la condivisione delle esperienze a vari livelli nell'istituto o associazione, e tra gli Istituti o altre opere della Chiesa particolare. L’assistente spirituale dedica una minuziosa attenzione alla formazione dei responsabili e degli assistenti spirituali dell’associazione, perché svolgano con dedizione, responsabilità e coerenza il loro ministero. Un grazie a don Gianni per aver accettato il delicato impegno».