‘Ndrangheta: estorsioni, 6 arresti e 1 fermo a Reggio Calabria

Reggio Calabria Cronaca

La Squadra mobile della questura di Reggio Calabria ha eseguito 6 ordinanze di custodia cautelare in carcere e un fermo nei confronti di sette persone ritenute affiliate alla cosca Caridi della 'ndrangheta, alleata con quella dei Libri, che opera al rione San Giorgio Extra della città calabrese. Tutti, a vario titolo, sono indagati di associazione per delinquere di stampo mafioso, finalizzata alle estorsioni e ai danneggiamenti. L'operazione è coordinata dalla Dda. Dall'indagine è emerso che la cosca aveva il controllo delle estorsioni a commercianti di molte zone della città e in particolare nei quartieri Ciccarello, Modena e San Giorgio Extra.

I particolari saranno resi noti alle ore 11, nel corso di una conferenza stampa che si terrà in Questura.

h 10:26 | C'è anche un consigliere comunale di centrodestra nell'operazione della Squadra mobile. Si tratta di Giuseppe Plutino, 48 anni, già assessore comunale e attualmente consigliere di palazzo San Giorgio. Plutino è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. La polizia ha anche sequestrato quattro aziende riconducibili a Leo Caridi, 47 anni, ritenuto il reggente dell'omonima consorteria. All'uomo, che è stato sottoposto a fermo di polizia, sono stati sequestrati un'azienda di ortofrutta, due aziende di dolciumi e una di caffè.

VIDEO INSERITO ALLE 13:35