In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

La Giunta regionale ha deliberato una variazione di bilancio per estinzione debito sanitario

Calabria Politica

Quattrocentoventotto milioni di euro per colmare i debiti delle Aziende Sanitarie e delle Aziende Ospedaliere calabresi e chiudere la partita dei creditori in attesa da anni. La Giunta Regionale, su proposta dell’Assessore al Bilancio e alla Programmazione Comunitaria Giacomo Mancini, nella riunione di ieri ha deliberato un’importante variazione di bilancio che permette di reperire, attraverso un’anticipazione da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze, la liquidità necessaria per l’estinzione del debito sanitario che si è accumulato negli anni fino al 2005 ma, poiché nel corso del tempo ne è stata pagata una parte, con il ripristino dei fondi anno per anno sarà possibile l’estinzione del debito commerciale della Regione a tutto il 31 dicembre 2008. Il mutuo che è stato formalizzato all’interno del bilancio regionale – informa una nota dell’Ufficio Stampa della Giunta - vincolerà la Regione per trent’anni al pagamento di una rata annuale di 30 milioni ma permetterà di soddisfare le richieste pressanti dei creditori e di ridurre al minimo un debito che nel corso degli anni è cresciuto esponenzialmente in virtù degli interessi maturati. “Si tratta di una risposta importantissima per il territorio calabrese – afferma il Presidente Scopelliti – ed è il frutto del lavoro serio di una classe dirigente che in un solo anno ha già ottenuto risultati concreti nell’ottica della riorganizzazione della sanità regionale, ricevendo apprezzamenti anche ai tavoli romani. Questi quattrocentoventotto milioni sono fondamentali per il risanamento del debito accumulato negli anni – continua Scopelliti – che, da un lato, ha pesato significativamente sull’attività delle Aziende sanitarie e ospedaliere e, dall’altro, ha pregiudicato il lavoro dei tantissimi creditori. Immettere queste risorse sul territorio calabrese, quindi, vuol dire alimentare il mercato e dare ossigeno alle imprese e auspico che a settembre saremo in grado di dare ulteriori risposte in tema di copertura del debito accumulato fino ad oggi. La Calabria ha finalmente iniziato un percorso virtuoso – conclude il Governatore Scopelliti – e i cittadini avranno finalmente una sanità funzionale ed efficiente.” Soddisfatto anche l’Assessore al Bilancio e Programmazione Comunitaria Giacomo Mancini: “Si tratta di un altro importante passo del nuovo corso della sanità calabrese che la Regione ha intrapreso fin dall’insediamento dell’Amministrazione guidata dal Presidente Scopelliti. Si tratta di una variazione di bilancio necessaria e di grandissima importanza – commenta Mancini – considerato che l’accensione di questo mutuo ridurrà notevolmente il debito accumulato negli anni dal sistema sanitario. I tanti creditori, grandi e piccoli, delle Aziende sanitarie e ospedaliere troveranno finalmente una risposta – conclude l’Assessore Mancini – ennesima testimonianza di un cambiamento radicale che questa classe dirigente sta portando avanti nell’interesse dei calabresi.”