In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Arredo scolastico, Vibo cerca gli sponsor

Vibo Valentia Attualità

Pubblicato l’avviso per la ricerca di sponsor privati interessati a fornire arredi scolastici agli istituti scolastici di competenza della Provincia.

A darne notizia è l’assessore alla Pubblica istruzione Pasquale Fera, che invita imprese e aziende ad aderire all’iniziativa, contribuendo così concretamente alla soluzione di una problematica che vede l’Amministrazione fortemente impegnata.

«Quella della sponsorizzazione degli arredi scolastici è una soluzione già attuata con successo in altre realtà italiane - ha spiegato a suo tempo l’assessore Fera, in occasione dell’approvazione della delibera di giunta con la quale venne varato il progetto -. Dal canto suo, l’Ente provincia è tenuto, ai sensi della Legge 23/96, a garantire agli istituti d’istruzione secondaria superiore del proprio territorio un insieme di strutture e servizi, compresi gli arredi scolastici, che sono fondamentali per il buon funzionamento delle attività didattiche. In tutto il territorio vibonese gli istituti di competenza della Provincia sono 27, con circa 9mila studenti. Occorre, dunque, una notevole quantità di arredi che, a causa soprattutto dell’usura naturale, vanno periodicamente integrati o sostituiti al fine di assicurare agli alunni condizioni di adeguato confort». A fronte del loro impegno, ai privati viene garantita la possibilità di esporre piccoli messaggi pubblicitari, promuovendo così la loro immagine in forme e modi espressamente regolamentati dall’avviso pubblico. In particolare, su ogni arredo sarà possibile apporre una placca o piccolo pannello, delle dimensioni massime di 10 per 5 centimetri, che riporterà il nome della ditta, seguito da un eventuale breve messaggio, ad esclusione, ovviamente, di riferimenti politici, religiosi o relativi a prodotti nocivi per la salute.