In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

elezioni 2014

Giornalisti della Calabria, ennesima vigliaccata contro Giacoia

Cosenza Attualità

Ennesima vigliaccata nei confronti del giornalista Riccardo Giacoia. Stamattina è stata recapitata alla sede regionale della Rai una busta, a lui indirizzata, contenente un proiettile di pistola calibro 9 e un foglio bianco con una croce disegnata a penna. Sulla busta, di colore giallo, il nome del destinatario e l’indirizzo sono scritti in corsivo, affrancati con un valore di posta ordinaria, ma senza alcun annullo postale. Particolare, questo, che fa supporre che la lettera sia stata consegnata a mano alla portineria della Rai, in via Guglielmo Marconi, a Cosenza.

Il giornalista, 48 anni, che dopo 14 anni di servizio presso la redazione del Tgr della Calabria, è da poco tempo in forza al Tg1, a Roma, non è nuovo a questo genere di intimidazioni. Nel luglio dello scorso anno, infatti, aveva ricevuto un’altra lettera nella quale c’era, tra l’altro, scrtto: “caro amico nostro che sai tutto di noi della mafia, stai attento”, “chi ti ucciderà, chi ti creerà problemi, chi ti creerà incubi” e “saluti dagli amici”.

In quella circostanza, la busta, indirizzata a Giacoia “il caro amico che segue noi, che usa i termini che vuole lui sulla mafia e noi, sempre per telegiornale a commentare i morti nostri”, recava la data del 6 luglio ed il timbro del centro meccanografico delle Poste di Lamezia Terme. Una lettera anonima che faceva seguito ad una lunga serie di minacce via sms sul suo telefonino.

Sull’episodio odierno, Riccardo Giacoia non nasconde che “sono fatti che preoccupano ed è inutile negare di aver paura, ma è certo che non saranno le minacce a fermare il lavoro di tanti cronisti che tentano di far luce sugli affari sporchi della criminalità organizzata e che, puntualmente subiscono intimidazioni perché, evidentemente, la verità infastidisce qualcuno. E non solo la ‘ndrangheta”.

Il giornalista era appena rientrato a Cosenza da Perugia, dove ha partecipato ad un dibattito sui giornalisti minacciati, organizzato nell’ambito del Festival internazionale di giornalismo. Sulla vicenda indaga la Squadra Mobile di Cosenza, a cui il giornalista ha sporto denuncia.

“Piena e convinta solidarietà a Riccardo Giacoia ed ai colleghi della redazione del Tgr Calabria”, viene espressa dal segretario del Sindacato dei Giornalisti della Calabria, Carlo Parisi, componente della Giunta Esecutiva della Federazione Nazionale della Stampa. “Anche in questo caso – commenta Carlo Parisi – ci troviamo di fronte all’ennesima vigliaccata ai danni di un giornalista calabrese, come al solito “firmata” dall’anonima mano di chi crede di imporre, così, la vergognosa cultura del sopruso e della prepotenza”.

Ricordando che “chi fa bene il proprio mestiere finisce sempre nel mirino di chi pensa che basti una lettera anonima per tapparti la bocca”, Carlo Parisi sottolinea che “niente e nessuno potrà mai mettere il bavaglio ai giornalisti che, con onestà, serietà e professionalità svolgono semplicemente il loro lavoro, che è quello di informare onestamente i cittadini, senza se e senza ma e, soprattutto, senza timori reverenziali o favoritismi di sorta nei confronti del boss o del politico di turno”.

Il Comitato di redazione del Tgr Calabria (Dino Gardi, Carla Monaco e Cesare Passalacqua), dal canto suo, afferma che “l’ennesima intimidazione al collega Riccardo Giacoia ripropone, ancora una volta, la difficoltà di fare informazione corretta, indipendente e completa nella nostra regione. Quella dei giornalisti nel mirino della criminalità – afferma il Cdr – sta diventando una vera e propria emergenza che le istituzioni locali e nazionali non possono più sottovalutare, come da tempo chiedono le organizzazioni di categoria dei giornalisti italiani.

Le vili minacce anonime contro Giacoia non fermeranno la sua attività e quella degli altri tanti colleghi che, ogni giorno, raccontano e denunciano le tante illegalità che si verificano in Calabria. A Riccardo Giacoia – conclude il Cdr – va il pieno, incondizionato sostegno di tutta la Redazione della Rai calabrese e, insieme, il forte sostegno ad andare avanti nella sua attività”.