“Pizzicati” a rubare una macchina operatrice, arrestati in cinque

Reggio Calabria Cronaca

Un tentativo di furto sventato da una pattuglia dei carabinieri che passando nei pressi di un’azienda in contrada Olmelli - tra l’altro sotto sequestro nell’ambito dell’operazione ’Ndrangheta banking, condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia reggina nel 2014 (QUI) - ha notato cinque persone che introdottisi all’interno avrebbero tentato, con un camion, di portare via un macchina operatrice semovente (del valore di 30mila euro), anch’essa sotto sequestro.

Un’altra brillante operazione, condotta dunque nel pomeriggio di giovedì scorso dai militari della Tenenza di Rosarno e della Sezione Radiomobile della Compagnia di Gioia Tauro, che hanno così arrestato le cinque persone, accusate di tentato furto aggravato in concorso.

Si tratta in particolare di due rosarnesi, il 26enne Antonio Maduli e il 55enne Carmine Pesce, e tre pescaresi, il 65enne Vincenzino Caravaggio, il 56enne Antonio Di Credico e il 35enne Mirko Ravicini.

Portati in caserma sono stati poi tradotti nelle camere di sicurezza, in attesa della celebrazione del rito direttissimo svoltosi nella mattinata di ieri e al termine del quale il giudice ha convalidato le misure pre-cautelari e non ne ha disposto alcun’altra.