‘Ndrangheta. Processo ai Mancuso di Limbadi, Appello: chieste 11 condanne

Vibo Valentia Cronaca

Pene pesanti per sette dei dodici imputati e riconoscimento dell’associazione mafiosa esclusa dal Tribunale di Vibo in primo grado.

È la richiesta formulata dal sostituto procuratore della Dda di Catanzaro Anna Marina Frustaci al termine della sua requisitoria nel processo d’appello scaturito dall’operazione “Black Money”, contro il clan Mancuso di Limbadi.

Dopo oltre tre ore di discussione, il pm antimafia ha chiesto 20 anni di reclusione e tre anni di libertà vigilata per Giovanni Mancuso, per l’altro fratello l’81enne Antonio e per il nipote Giuseppe, ritenuti esponenti apicali dell’omonima cosca della provincia di Vibo Valentia.

Pene pesanti anche per Pantaleone Mancuso, detto “Scarpuni”, per il quale sono stati invocati 18 anni di carcere e tre anni di libertà vigilata; 16 anni e tre anni di libertà vigilata per Agostino Papaianni, Leonardo Cuppari e per l’imprenditore Antonino Castagna.

Per tutti e sette è stata dunque chiesta la riforma del verdetto emesso in primo grado dai giudici del Tribunale collegiale di Vibo Valentia.

Chiesta invece la conferma delle condanne per gli altri imputati: Gaetano Muscia, (in primo grado condannato a 7 anni di reclusione); Damian Fialek, (in primo grado condannato a 3 anni); l’immobiliarista napoletano Antonio Velardo, (in primo grado condannato a 4 anni di reclusione); l’imprenditore Antonio Prestia, (in primo grado 5 anni e sei mesi di reclusione) e Nicola Angelo Castagna, (in primo grado estinzione dei reati per intervenuta prescrizione).

L’inchiesta è scattata nel marzo del 2013 con il coordinamento della Dda di Catanzaro. Nel troncone ordinario celebrato a Vibo Valentia non ha retto l’accusa di associazione mafiosa a carico dei vertici del clan Mancuso.

Così in primo grado il Tribunale collegiale presieduto all’epoca dal giudice Vincenza Papagno ha condannato dodici imputati ridimensionando le richieste di pena invocate dal pm antimafia Marisa Manzini che ha originariamente coordinato la maxi inchiesta.

Contro questa sentenza la Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro ha quindi deciso di ricorre in Appello. Dopo la requisitoria del pm Frustaci, la discussione proseguirà con le arringhe degli avvocati della difesa. Prossima udienza in programma il prossimo 20 giugno.

26 notizie correlate