Autobomba nel Vibonese, ordigno azionato a distanza e posizionato sotto il sedile

Vibo Valentia Cronaca
Il luogo dell'esplosione e le due vittime

La bomba che ha ucciso Matteo Vinci e ferito il padre Francesco (LEGGI) è stata posizionata sotto la loro auto all’altezza del sedile e sarebbe stata azionata a distanza, ma non era ad alto potenziale ma altrettanto sufficiente per procurare la morte dell’informatico.

È questa la tesi che si fa strada tra gli inquirenti che ritengono come l’ordigno possa essere stato collocato sotto il mezzo, all’altezza del lato guida, mentre i due Vinci si trovavano in campagna.

L’ipotesi più concreta al vaglio degli investigatori è che la bomba sia stata fatta detonare attraverso un radiocomando a distanza. Su questo aspetto e sul tipo di esplosivo utilizzato si attendono però gli accertamenti tecnici degli artificieri.

Intanto, l’avvocato Giuseppe De Pace, legale della famiglia Vinci, ha chiesto funerali di Stato per Matteo Vinci.

23 notizie correlate