In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Possibile Calabria dice no a Leu: esclusi dal confronto e dalle candidature

Calabria Politica
Giuseppe Civati

“Possibile è una componente di LeU ma questo non è vero nella nostra regione”. Chiuse le liste che concorreranno per le elezioni politiche del 4 marzo, l’area calabrese del movimento di Civati ha voluto fare chiarezza sulla sua posizione nella prossima tornata elettorale.

“Nostro malgrado – spiegano da Possibile - abbiamo dovuto prendere atto che i principi sanciti e le scelte assunte nell’assemblea regionale, che abbiamo tutti insieme tenuto a Lamezia il 9 gennaio, sono stati totalmente disattesi da chi ha inteso egemonizzare il percorso”.

E gli effetti non si sarebbero fatti attendere “se è vero che – prosegue il movimento - da subito il progetto LEU ha perso quanti avrebbero potuto contribuire con entusiasmo alla costruzione di un percorso politico alternativo non solo per il Paese ma che aveva tutte le potenzialità per diventare una base solida per una visione nuova e credibile della Calabria, aperta, plurale, libera e uguale. Ma non a se stessa”.

“Avevamo chiesto ambizione, rottura con lacci e lacciuoli, competenza, innovazione e – sbottano da Possibile Calabria - soprattutto coerenza tra il racconto elettorale e l’impegno concreto. Invece così non è andata e dalle cronache politiche di questi ultimi giorni è apparso fin troppo evidente. L’assemblea regionale partecipata che aveva deliberato una rosa di nomi di tutte e tre le componenti fondatrici di LeU e di esponenti della cosiddetta società civile, senza ordine di priorità come da regolamento nazionale, è stata in larga parte disattes”.

Per il movimento di Civati si sarebbe preferito “egemonizzare il processo successivo escludendo completamente Possibile Calabria non solo dalle candidature ma anche da una qualsivoglia discussione e confronto su di esse. Probabilmente – prosegue - perché si era intuito bene che non avremmo mai accettato di far diventare LeU la dépendance del potere regionale che di fatto schiera tra i candidati persone notoriamente vicine al Governatore Mario Oliverio, e di cui, in qualche caso, l’assemblea regionale non ha mai sentito pronunciarne i nomi né indicandoli né assumendone la disponibilità”.

“Quell’assemblea appunto – continuano da Possibile - avrebbe dovuto essere sovrana e invece è stata mortificata dalla chiusura di un ceto politico dedito unicamente all’autoconservazione. Abbiamo ritenuto inaccettabile e non conforme al progetto politico questo modus operandi e pertanto deciso di non proseguire, anche quando gli organismi nazionali hanno provato a intervenire per garantire rappresentanza a tutte le componenti. Per noi – conclude - non era e non sarà mai un problema di collocamento, ma di credibilità e di democrazia”.