In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Bandi Regione, il Comune di Bagnara punta su formazione e lavoro

Reggio Calabria Attualità

Il Comune di Bagnara ha deciso di puntare su formazione e lavoro. È la decisione presa dall’assessore comunale al welfare e al lavoro, Silvana Ruggiero, che ha promosso due incontri dedicati ai progetti “Dote lavoro” e “Garanzia giovani”. Questa mattina la sala consiliare di Palazzo San Nicola è stata gremita da tanti giovani accorsi per conoscere i dettagli dei bandi. Tina Maceri, consigliere comunale, ha portato i saluti dalla parte del sindaco Gregorio Frosina complimentandosi con la cittadinanza per aver risposto positivamente e in gran numero all’evento e ribadendo come questa amministrazione sia aperta a dare ogni tipo di informazione e supporto grazie, soprattutto, all’impegno profuso in tal senso dall’assessore Ruggiero.

Ad entrare nel vivo del seminario è stata proprio la Ruggiero che, prima di tutto ha rivolto il suo ringraziamento all’ex assessore regionale Federica Roccisano. “La presenza di Federica a quest’iniziativa era prevista da tempo ma considerando la revoca del suo incarico ha preferito evitare. Questo non mi impedisce di ringraziarla per questi e altri bandi all’interno dei quali ha dimostrato non solo il suo impegno ma anche la sua sensibilità prendendo in considerazione le fasce più deboli”.

Dopo i ringraziamenti la Ruggiero ha centrato il cuore dell’incontro, ovvero, la necessità di sfruttare questi bandi perché strumenti di sviluppo necessari in questa terra. “Questa è la politica del servizio ai cittadini - ha dichiarato la Ruggiero - perché il connubio tra giovani e lavoro è fondamentale per lo sviluppo economico di Bagnara e di tutta la regione. I giovani e i disoccupati mi vedranno sempre disponibile al loro fianco per ottenere informazioni e indirizzo su quale sia la strada migliore da percorrere e gli strumenti da utilizzare. Per fare questo mi preme sottolineare che il mio impegno e quello dell’amministrazione non termina con questo seminario informativo, anzi, troverete all’ufficio dei servizi sociali un punto dove avere tutte le informazioni necessarie per immettervi nel mondo del lavoro. Si lavorerà a 360° con abnegazione e costanza perché chi si rivolge a noi è già provato e deve essere supportato. Proprio per questo, a breve, il comune essere informato sarà accreditato di uno punto Inps per dare ai cittadini la possibilità di avere nello stesso momento un quadro completo. La nostra mission è ridurre la burocrazia. Non è un atto dovuto – ha concluso la Ruggiero - ma voluto dal Comune per stringere sempre di più un contatto concreto con i cittadini”.

Ad entrare nel dettaglio del bando “Garanzia Giovani” che riguarda i giovani dai 18 ai 29 anni non occupati né inseriti in un percorso di studio o formazione è stato Giancarlo Mamone del “Patto Territoriale dello Stretto”. Lo stesso ha ribadito come i giovani che intenderanno aderire saranno guidati passo passo dalla presa in carico al colloquio individuale, dalla consulenza all’accompagnamento nel mondo del lavoro. Mamone ha ringraziato l’assessore Ruggiero non solo per l’evento organizzato ma, soprattutto, per aver accolto positivamente l’idea di aprire uno sportello che informi giovani e disoccupati e che si occupi di avviarli al mondo dei lavoro. “La sinergia si sta concretizzando – ha dichiarato Mamone - anche con i bando di “Conciliazione empi di vita di lavoro e familiare” di cui l’assessore Ruggiero all’interno dell’”Ambito 14” è stata nominata coordinatrice del progetto che prevede la distribuzione di contributi alle famiglie sotto forma di voucher per varie azioni che riguardo i minori da 0 a 14 anni”.

La parola è poi passata a Paola Calabrò, sociologa di Synapsis che si è occupata, invece, di “Dote lavoro” rivolto a disoccupati o inoccupati che hanno compiuto 30 anni; persone con disabilità iscritte al collocamento mirato e persone maggiormente vulnerabili, a rischio discriminazione e prese in carico dai servizi sociali, che hanno compiuto 18 anni. Il bando prevede che dalla classe di svantaggio dipenderà la durata del percorso e la dote messa a disposizione dagli enti accreditati come formazione. Perseguendo sempre l’obbiettivo di creare un’impresa propria o inserirsi in aziende già esistenti.