In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Controlli nella Locride: due arresti e 9 denunce

Reggio Calabria Cronaca

Due persone arrestate, 9 persone denunciate, 4 sale scommesse controllate ed inoltre 150 persone controllate e 70 mezzi controllati. È il bilancio di un servizio straordinario di controllo del territorio effettuato dai Carabinieri di Locri e finalizzato alla prevenzione e alla repressione dei reati.

Ieri sono eseguiti due ordini di carcerazione nei confronti di: A. D., 35nne già noto alle forze dell’ordine. L’uomo deve scontare 3 anni e messo di carcere per il reato di associazione di tipo mafioso, tentato omicidio, estorsione, rapina e danneggiamento, connessi ad attività mafiose.

Stessa misura è stata eseguita nei confronti di F. C., 56enne pregiudicato di Marina di Gioiosa. L’uomo deve infatti scontare una pena residua di 4 anni e 8 mesi di reclusione per traffico e detenzione illecita di droga in concorso, reati commessi nel 2008 nella cittadina da poco commissariata per infiltrazioni mafiose.

Nel corso dei controlli i carabinieri hanno denunciato: il 58enne C.S. di Locri e il 57enne P.F. pregiudicato di Marina di Gioiosa Jonica per furto aggravato di energia elettrica; due persone, I.C. e I.S., già note alle forze dell’ordine, per ricettazione e porto abusivo di armi. I due sono stati sorpresi a bordo di un veicolo con il numero di telaio contraffatto e in possesso di alcuni strumenti atti ad offendere.

Denuncia anche per due pregiudicati di Africo, M.G. e L.N., per furto aggravato di energia elettrica; il commerciante reggino D.S. per porto abusivo di armi; F.V. per guida in stato di ebbrezza, sorpreso alla guida di un veicolo con il tasso alcolemico superiore al limite consentito; il pregiudicato M.S., collegato ad ambienti della criminalità organizzata di Gioiosa Jonica, sorpreso in giro per le vie di quel centro, benché sottoposto alla detenzione domiciliare.