In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Rende, tutto pronto per la prima di “Anna Karenina - Storia di Vronsky”

Cosenza Tempo Libero

Nell’ambito della rassegna di cinema russo, curata dal consorzio cinematografico “Mosfilm”, a Rende sarà proiettato in prima nazionale sabato sera alle 20,30 al cinema Santa Chiara “Anna Karenina - Storia di Vronsky". La pellicola del regista Кaren Shakhnazarov si interroga e approfondisce la figura del conte Vronsky offrendo allo spettatore un punto di vista differente della tormentata storia d’amore.

“Un onore per il nostro piccolo, grande cinema comunale ospitare la pellicola -ha affermato Orazio Garofalo che per il Santa Chiara cura diverse rassegne- che, come suggerisce il titolo del film, ci narra il classico romanzo di Tolstoj attraverso gli occhi del medico. Protagonista del film è infatti Vronskij, che non svolge il tradizionale ruolo di ambiguo seduttore, ma diventa un personaggio complesso e sfaccettato.”.

Elena Semina, regista e presidente di "Russkiy Mayak Calabria" spiega poi: “la rassegna è occasione per le diverse comunità di lingua russa di ritrovarsi e non solo: i film vengono proposti con sottotitoli in italiano con l’intento preciso di far conoscere la nostra cultura”. “L’iniziativa -ha dichiarato l’assessora Marta Petrusewicz- si inserisce in un ampio progetto di valorizzazione delle risorse culturali del nostro territorio: valorizzarle è l’obiettivo che ci siamo posti.”.

“Coniugare cinema e inclusione sociale -ha infine detto l’assessora Marina Pasqua- significa dare spazio alle comunità attive sul territorio. Quella russa, particolarmente attiva, ha subito accolto la nostra visione di città aperta e multiculturale offrendo alla nostra comunità una rassegna ricca di contenuti”. La proiezione sarà preceduta da una romanza cantata da Daria Mishurina e Tamara Vasko con accompagnamento musicale di Galya Savina alla chitarra.