In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Maltempo: ancora pioggia e neve al nord Italia, allerta arancione

Calabria Attualità

Un’ampia circolazione ciclonica, derivante dalla saccatura atlantica presente sull’Europa occidentale, continua a determinare condizioni di maltempo sulle regioni settentrionali dell’Italia, apportando precipitazioni localmente intense, anche a carattere temporalesco, e abbondanti nevicate a quote di montagna.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quello di ieri. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dal primo mattino di domani, martedì 9 gennaio, il persistere di precipitazioni, anche a carattere temporalesco, su Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Emilia Romagna, con nevicate abbondanti al di sopra dei 1200-1400 metri sulle Alpi occidentali e al di sopra dei 1600-1800 metri sulle Alpi orientali, in abbassamento rispettivamente fino a 1000 e 1200 metri.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di domani, martedì 9 gennaio, allerta arancione su gran parte del Piemonte e sulle zone centrali del Veneto. Valutata allerta gialla sulla Valle d’Aosta, sul restante territorio del Veneto, sul Friuli Venezia Giulia, sul settore nord occidentale e sul nodo idraulico di Milano in Lombardia, sulla Liguria, sui bacini centrali e occidentali dell’Emilia Romagna, sulla Lunigiana in Toscana, sul Lazio, sul settore orientale dell’Abruzzo, sulle aree dell’Alto Volturno e del Medio Sangro in Molise.