In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

La scuola europea Sommellier Calabria promuove il suo calendario

Calabria Tempo Libero

Le produzioni tipiche e, quindi, enogastronomiche e identitarie dei Territori di Calabria, hanno sempre suscitato, tra uomini e donne del lavoro, modalità creative diverse per raccontare le eccellenze. Lo testimonia l'idea- che ha afferrato esempi realizzati in Italia-della piccola Margherita Pingitore, di 11 anni, allieva della prima media della scuola " Enrico De Nicola" di Castrovillari, la quale si è cimentata, osservando e ripetendo tratti di altrettante creazioni, grazie alla sua volontà oltre all'incitamento anche dei genitori, a ridisegnare, per l'Associazione di settore, dove è impegnato il suo papà, degli elementi simpaticissimi a corredo di un calendario 2018 intitolato "Il Vino e i Giornali", promosso, edito e voluto dalla Scuola Europea Sommelier Calabria.

Questo, con 7 vignette re-intercettate da precedenti lavori pensati in altri territori del Paese, coniuga, in modo satirico e semplice, ciò che lega la persona al vino, utilizzando parole che sono annodate, con nomi rivisitati per l'occorrenza, ad altrettante testate giornalistiche , dando luogo, così, a scoppiettanti rappresentazioni espressive che fanno gustare "al palato" tale proposta come un buon bicchiere di vino frizzante. Tanto quanto per solleticare la curiosità e il desiderio di ciascuno ad averne uno a casa per condividere questa capacità in erba - "al sapore di vino novello "-nel cercare di mettersi in gioco , che potrebbe spingere la scuola europea sommelier Calabria ed il suo staff a pensare, da oggi in poi, di sostenere ogni anno un calendario creativo, proveniente dall’espressività delle giovanissime generazioni e che leghi, in questo caso, gli enoprodotti ad un aspetto della realtà guardandola con la lente delle identità popolari, ispiratrici da sempre di detti e coniatrici, grazie pure al nostro vernacolo, di caratterizzazioni colorite ed esplicative più di quanto formula la stessa lingua italiana.