In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Terremoto in Ap. Gentile si dimette: “si va troppo a sinistra”, e invita a votare Forza Italia

Calabria Politica

Non sono passate nemmeno tre settimane dalla sua nomina a coordinatore nazionale di Alternativa Popolare; un compito che per Antonio Gentile, sottosegretario allo Sviluppo Economico, aveva uno scopo chiaro ed annunciato: costruire un’area moderata di Centro.

Un progetto naufragato - o meglio “fallito”, come ammette lo stesso Gentile - nel giro di una decina di giorni con la decisione del sottosegretario di dimettersi dalla carica di Coordinatore Nazionale e un ritorno di fiamma, contestuale, ovvero l’invito a singoli parlamentari, consiglieri regionali, provinciali, sindaci e militanti di Ap a votare “per l'unica forza moderata e liberale esistente nel nostro Paese rappresentata da Forza Italia e dal suo Presidente Silvio Berlusconi”.

Un fulmine a ciel sereno per la forza dell’ex leader Angelino Alfano, ora senza guida. Ma le motivazioni che adduce Gentile a giustificazione della sua decisioni sono piuttosto impietose: “non voglio assegnare responsabilità ad alcuno - afferma il senatore - ma ho trovato un partito sfasciato e ingestibile senza alcuna capacità reattiva, che per sopravvivere è alla ricerca di una innaturale mutazione genetica che lo spinge fortemente a sinistra”.

Per Gentile - che ha anche annunciato che non si ricandiderà alle prossime elezioni - sarebbero mancati “sincerità” e soprattutto “valori in campo”.

“Per rispetto della mia reputazione e per onestà intellettuale – afferma - preferisco interrompere qui la mia esperienza di partito e parlamentare. Ringrazio Renzi e Gentiloni per avermi voluto a far parte dei loro Governi. Ma è necessaria per me una pausa di riflessione, senza interrompere l'impegno politico e sociale verso il mio Paese e la mia terra”.