In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Cresce spesa famiglie per consumi, oltre 2.500 euro mese

Calabria Attualità

La spesa delle famiglie italiane è aumentata. Nel 2016 ha infatti sfiorato il tetto dei 2.500 euro. È quanto rileva l’Istat per cui la spesa passa da 2.499,37 euro del 2015 a 2.524,38 euro nel 2016, registrando un aumento dell'1%, che arriva a +2,2% nei confronti del 2013, anno di minimo. Ciononostante, la spesa media mensile familiare rimane al di sotto dei 2.639,89 euro del 2011.

Il maggiore peso è quello di alimenti e bevande, gli italiani infatti spendono 447,96 euro mensili (era 441,50 euro nel 2015); la spesa dedicata alle carni, pur restando la componente alimentare più importante, è in calo, mentre sono in aumento le spese per frutta e vegetali (+3,1%) e soprattutto pesci e prodotti ittici (+9,5%). Ma rispetto al 2015, la quota di famiglie che cercano di limitare la spesa riducendo la quantità o la qualità dei prodotti alimentari acquistati diminuisce. Crescono (+0,9%) le spese per beni e servizi non alimentari, particolarmente rilevanti sono quelle per l'abitazione. Tornano ai livelli pre-crisi le spese per servizi ricettivi e di ristorazione (+4,8%) e salgono per il terzo anno consecutivo quelle per beni e servizi ricreativi, spettacoli e cultura (+2,9%).

Le famiglie composte da soli stranieri - spiega l'Istat nell'Annuario statistico italiano - spendono, in media, circa mille euro in meno di quelle composte da soli italiani (1.582,84 contro 2.590,59 euro); la loro spesa si concentra su beni e servizi essenziali, in particolare sulla spesa alimentare (21% del totale, contro 17,6% delle famiglie di soli italiani) e sulla spesa per l'abitazione (38% rispetto al 35,7%). Rimangono comunque grosse differenze territoriali: Trentino Alto Adige, Lombardia ed Emilia Romagna sono le regioni con la spesa media mensile più elevata (intorno a tremila euro), mentre la Calabria è ancora la regione con la spesa più contenuta (1.700 euro).