In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Contratti di Fiume, insediata la Consulta dell’Osservatorio Nazionale

Calabria Attualità
Franco Rossi

Si è tenuta il 14 dicembre presso il ministero dell’Ambiente la riunione insediativa della Consulta dell’Osservatorio Nazionale dei Contratti di Fiume a cui hanno aderito tutte le Regioni italiane, designando i referenti e le Autorità di distretto.

Per la Calabria è intervenuto l’assessore Franco Rossi che, complimentandosi con il Ministero per l’iniziativa ha sottolineato l’importanza di giungere al più presto alla definizione di una Strategia Nazionale dei Contratti di Fiume, sul modello di quanto già avviene per le aree interne.

La nostra Regione, ha precisato l’assessore Rossi, ha individuato in questi strumenti “l’elemento strategicamente connettore e generatore di identità e territorialità, di relazioni fruitive tra la costa e le aree interne, come elemento funzionale alla complessità eco-sistemica, alla valorizzazione delle risorse ambientali locali, come elemento di cura per la salvaguardia idrogeologica, come elemento di relazione tra il “sistema città” e i caratteri ambientali e rurali del territorio, come opportunità per valorizzare le attività agricole e artigianali locali, come nuovo spazio per re-immaginare territori efficaci ed innovativi, coesive strategie di area vasta”.

In questa prospettiva per l’assessore calabrese appare urgente la definizione di una Strategia Nazionale dei Contratti di Fiume anche attraverso un nuovo patto tra gli attori che, a vario titolo, possono contribuire alla definizione di modelli di sviluppo locale, alla cooperazione economica pubblico-privata, all'adozione di strategie integrate di governance fluviale.

Operazione questa che è considerata particolarmente importante per la Calabria, “se - ha spiegato Rossi - si pensa al legame identitario del territorio calabrese con i circa 200 fiumi che hanno da sempre svolto funzioni di connessione ecologica e collante socio-culturale tra le comunità insediate, e alla necessità di interventi di prevenzione e messa in sicurezza di un Regione caratterizzata, come noto, da una grave condizione di dissesto idrogeologico”.

All’incontro ha portato il saluto anche il Ministro dell’Ambiente Galletti definendo i Contratti di Fiume come un importante strumento di innovazione della governance dei territori fluviali. Il prossimo incontro è fissato per il 5 Febbraio prossimo a Roma in occasione della prima Conferenza dell’Osservatorio Nazionale che sarà organizzata insieme all’ XI Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume.