In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Cosenza. Sila patrimonio dell’Unesco, in Provincia un Tavolo tecnico

Cosenza Attualità

Un accordo fra i diversi attori del territorio nel quale indicare un percorso condiviso per sostenere la candidatura del Parco Nazionale della Sila a patrimonio dell’Unesco. È quanto stabilito questa mattina il Tavolo tecnico-politico che si è riunito nel Palazzo di Piazza XV Marzo e al quale hanno partecipato la Provincia di Cosenza, la Regione Calabria, l’Università della Calabria, le Associazioni ambientaliste, il Direttore e il Commissario del Parco, i Sindaci di Cosenza, Rende e Montalto Uffugo.

Obiettivo prioritario: tenere tutti uniti a sostegno dell’inserimento del Parco nel sito dell’Unesco.

Un riconoscimento possibile per un’area unanimemente riconosciuta di particolare pregio ambientale, con caratteristiche naturali uniche da salvaguardare e promuovere perché è da qui che è necessario partire per lo sviluppo culturale, turistico e socio-economico dell’intero territorio.

“La Provincia di Cosenza sosterrà in maniera forte la candidatura del Parco a patrimonio dell’umanità – ha dichiarato il Consigliere provinciale Marco Ambrogio, presente al tavolo su delega del Presidente Iacucci – conscia del suo ruolo di coordinamento delle aree vaste che la rendono, oggi più che mai, la “casa dei Comuni e lo farà preparando i territori”.

Ambrogio ha ricordato, difatti, che uno dei punti cardine della Commissione di valutazione per l’inserimento di pezzi di territorio nel patrimonio immateriale mondiale è proprio la volontà dei territori, ragion per cui “la Provincia di Cosenza raggiungerà tutti i Comuni del Parco per costruire la candidatura, anche perché il riconoscimento Unesco – se accordato – non è un punto fermo e irremovibili, potendo essere sì concesso ma anche revocato venendo meno le condizioni necessarie”.

È per queste ragioni, quindi, che è necessario lavorare per rendere giustizia alla bellezza di un territorio ricco sì di biodiversità, ma che a oggi manca di una politica turistica degna di questo nome: “dobbiamo evitare per esempio – ha concluso Marco Ambrogio – che a dicembre le piste da sci siano chiuse, mentre nel resto d’Italia gli impianti funzionano regolarmente. In altre parole, dobbiamo interagire con i privati per costruire una cultura dell’accoglienza turistica nel territorio, perché devono decidere di fare impresa e trattare il turismo come un prodotto”.