In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

KTF tutto l’anno: domani Fabio Macagnino presenta il suo nuovo album

Reggio Calabria Tempo Libero

Il Kaulonia Tarantella Festival si prepara al primo dei tre appuntamenti che chiuderanno la kermesse autunnale “KTF tutto l’anno”!

Dopo la partecipatissima cerimonia di inaugurazione dell’Auditorium “Casa della Pace Angelo Frammartino”, una dimora della musica elegante, moderna e innovativa, progettata appositamente per regalare al pubblico la migliore esperienza d’ascolto possibile, giovedì 7 dicembre sarà finalmente il momento di testare “sul campo” la nuova acustica della sala sita in Piazza Sant’Antonio di Caulonia Marina grazie al concerto di Fabio Macagnino, che ha scelto Caulonia e la cornice del Festival per presentare, a partire dalle ore 21:15, il suo nuovo album “Candalìa”.

È la giovane label calabrese Sveva Edizioni - fondata da Antonio Marino - a pubblicare il debutto discografico dell'attore e architetto Fabio Macagnino. L'etichetta si propone come volano per le produzioni della tradizione del Sud Italia ma con un occhio trasversale per le sonorità innovative.

“Candalìa” non è solo il titolo dell’album, ma un concept che tocca molteplici argomenti che stanno da tempo nel cuore dell'artista calabrese. Si potrebbe sintetizzare in pochi aggettivi l'intero lavoro: i desideri, i sogni, la Locride, il sud in rapporto al nord, la sensualità e l’amore. Sono questi temi che Macagnino affronta con la tipica calma degli uomini del sud; rallentando, indugiando e “candalijando” (che appunto significa cullarsi) questa vita frenetica. Rallentare è una provocazione culturale in questa nostra società, ansiosa di inventarsi di continuo una qualunque attività, perché l’essere umano vale solo quando produce e guadagna. La parola calabrese ‘candalijarsi’ fa al nostro caso: può essere l’occasione per un calmo viaggio dentro se stessi, per lasciare venire a galla sogni impolverati e desideri rinnegati, per inseguire una musica sconosciuta ma familiare.