In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Immigrati, Unicef: un parco giochi per i bimbi del Cara di Isola

Crotone Attualità

Dalla barca della paura, del buio e dell'incertezza a quella del gioco e della speranza. È questo in sintesi il messaggio venuto fuori dalla splendida serata che si è tenuta domenica a Crotone organizzata dalla Inner Wheel Crotone e dal testimonial dell'Unicef Michele Affidato.

Una raccolta fondi che porterà nell'immediato qualcosa di concreto, di reale, bisognerà aspettare solo i classici tempi tecnici. Si tratta di un parco giochi a forma di nave che verrà consegnato al Cara di Isola Capo Rizzuto e messo immediatamente a disposizione dei bambini ospiti del centro che hanno nei loro occhi il trauma di una traversata difficile e impossibile da dimenticare. Qualcuno ha perso i loro genitori proprio in quel viaggio, altri non li hanno mai conosciuti.

Dall'Unicef, dalla Inner wheel e da Michele Affidato per loro nasce la speranza, attraverso il gioco. È chiaro, non è la risoluzione a tutti i problemi, ma è un segnale forte, concreto. Il tutto è stato reso possibile grazie alla grande sensibilità mostrata dalla città di Crotone, le cui forze sane hanno risposto in maniera eccezionale alla raccolta fondi. L'impegno della Inner Wheel e di Michele Affidato hanno fatto il resto. Quando il maestro orafo chiama, e lo fa con iniziative di questo spessore, tutti gli amici rispondono. Soprattutto quelli del mondo dello spettacolo, visto che è stata una piacevolissima serata nel corso della quale sono stati alternati momenti di musica e ballo ad altri di grande riflessione.

Sul palco una scuola di danza locale, Mario Nunziante, Chiara Ranieri, la Khatmandu band con un commosso ricordo di Giancarlo Muscó, voce del gruppo scomparso di recente, il duo comico Rino e Giulio, la proiezione delle fotografie di Antonino D'Urso raccolte in 20 anni di sbarchi che hanno emozionato tutta la platea ed il prezioso contributo di Cataldo Calabretta.

La serata è stata presentata dai bravissimi Antonella Marazziti e Francesco Latella, sempre disponibili in iniziative di solidarietà. "È una donazione molto importante - ha confermato la presidente di Unicef Crotone Donatella Intrieri Fauci - ho avuto un incontro qualche giorno fa con il Prefetto e mi aveva espresso il desiderio di fare qualcosa per i bambini del Cara. Nulla accade per caso, ho trovato questa struttura navigando online è l'idea della barca mi ha subito colpito. L'impegno del nostro testimonial Michele Affidato e delle Inner Wheel hanno reso possibile tutto questo".

"È un periodo in cui si parla molto di immigrazione - aggiunge il maestro Michele Affidato - non entro nel merito della questione ma so solo che quando si parla di bambini tutti dovremmo pensarla allo stesso modo. Un bambino è un bambino. Gli stessi sogni e gli stessi diritti di tutti gli altri, il fatto di poter realizzare questo grande parco giochi all'interno del Cara di Isola Capo Rizzuto è una cosa che mi riempie di gioia, volevo ringraziare tutti coloro che hanno risposto all'appello e hanno reso possibile tutto questo.

L'idea della barca poi è una cosa straordinaria, questi bambini passeranno da un ricordo traumatico a qualcosa che allieterà le loro giornate, non potevamo chiedere di più. Ringrazio la Inner Wheel Crotone nella persona del Presidente Maria Teresa Romeo Piscitelli e tutte le associate che hanno dato il loro prezioso contributo per la raccolta fondi. Condivido inoltre questa splendida esperienza di vita a favore dei bambini insieme a Donatella Intrieri Fauci, Presidente di Unicef Crotone e alla Segretaria Francesca Puccio, persone sensibili e attente, vere e proprie risorse per l'associazione e in generale per il nostro territorio”.

Maria Teresa Romeo Piscitelli, Presidente Inner Wheel, è rimasta pienamente soddisfatta dell'esito della serata: "Ci sono milioni di bambini che soffrono nel mondo, come donne impegnate attivamente non possiamo rimanere insensibili e proprio per questo abbiamo deciso di realizzare questa iniziativa insieme a Michele Affidato e all'Unicef, voglio ringraziare tutti coloro i quali hanno risposto in maniera positiva".

Al termine della serata sono stati estratti i tre vincitori dei premi messi a disposizione dal maestro Affidato, un paio di orecchini e uno splendido collier della collezione “Shiny” e un altro premio offerto da un negozio di abbigliamento.