In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

“Res Natalizie”, la magia del Natale in un cartellone unico di eventi

Cosenza Tempo Libero

Oltre un mese di eventi di avvicinamento al Natale che prenderanno il via mercoledì 6 dicembre, giorno di San Nicola di Bari, patrono di Mendicino. Come, da tradizione i bambini busseranno ad ogni casa del centro storico, intonando un’antica nenia, per i “panettiedri di San Nicola”, e nel pomeriggio la consegna delle chiavi della città al Santo nel Duomo di San Nicola.

"Res Natalizie" parte dalle tradizioni e sarà ricca di tante importanti iniziative dal teatro alla lettura, dai presepi alla musica. Il programma è stato presentato ieri alla stampa, all’interno del teatro comunale, dal sindaco Antonio Palermo e da tutti i rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni del territorio che hanno contribuito alla realizzazione del cartellone unico. "È con gioia - ha dichiarato il sindaco Antonio Palermo - che tutti insieme presentiamo un calendario unico degli eventi e invitiamo tutti i cittadini da tutta la Regione a partecipare a queste nostre bellissime iniziative".

All’interno di Res Natalizie il programma di "Natale in Biblioteca", con tanti appuntamenti di lettura per grandi e piccini. "Radicamenti Off" al Teatro Comunale, con spettacoli natalizi e con "La Lettera" di Paolo Nani, uno dei cult mondiale del mimo, il 13 Dicembre. E ancora il Presepe Vivente nel centro storico, il 25-26 dicembre e il 6 gennaio, e il famoso Presepe Artistico di Mendicino che ogni anno è visitato da tanti appassionati da tutta la Calabria. Spazio anche al cinema, con una proiezione scelta dagli ospiti del centro di accoglienza per famiglie di Mendicino. Infine, non potevano mancare i tradizionali concerti di Natale e di Capodanno delle bande Raimondo Reda e Città di Mendicino ma anche dell'orchestra Attilio Bossio dell'Istituto Scolastico.

Grande novità, Radicamenti: il festival delle tradizioni e culture popolari, in programma dal 19 al 23 dicembre nel centro storico. Finanziato per il terzo anno consecutivo dalla Regione Calabria, è divenuta in pochi anni una rassegna molto apprezzata perché fondata sulla musica, la cultura e le tradizioni popolari del Sud.

Radicamenti quest'anno propone una riflessione sulle esperienze di incrocio e attraversamento dei confini che ci caratterizzano come individui e comunità. In un’epoca contraddistinta da una forte mobilità geografica e di comunicazione planetaria, i confini sono divenuti incerti e le persone si troveranno proiettati in un contesto nel quale cultura, paesaggio, ospitalità e tradizioni si intrecciano ad ogni passaggio e offrono esperienze uniche da vivere. La storia, la memoria, la contemporaneità, le nuove vie reali e virtuali aprono spazi per vivere e per sognare.

Cinque giorni durante i quali il centro storico sarà protagonista con tantissimi appuntamenti. Tanta musica con i concerti delle migliori espressioni della tradizione italiana dalla "Nuova Compagnia di Canto Popolare" alla "Banda Italiana", dal "Canzoniere Grecanico Salentino" a "Ciccio Nucera" e tanti altri gruppi ancora. Durante il festival si potrà anche imparare a suonare la chitarra battente, la lira calabrese, l'organetto o la zampogna, partecipando ai corsi tenuti da maestri provenienti da tutta la Calabria e l'Italia. A Palazzo Campagna ogni sera si esibiranno le corali di gruppi di etnie e religioni diverse. In sintesi un festival fatto di suggestioni, suoni, ritmi, immagini e sapori delle nostre tradizioni calabre.