In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Battaglia sanità, i sindaci a fianco del presidente Oliverio

Calabria Salute

Tutti i sindaci calabresi, un centinaio che hanno gremito la sala verde della Cittadella regionale, per rispondere all’invito del presidente della Regione Mario Oliverio e affrontare insieme le problematiche che caratterizzano la gestione del servizio sanitario, hanno espresso la volontà di accompagnarlo a Roma, all’appuntamento di martedì prossimo con il Ministro Lorezin. Sostegno incondizionato alla battaglia del presidente Oliverio che all’incontro con il ministro alla salute chiederà due cose: la rinegoziazione del Piano di rientro del debito sanitario e la fine del commissariamento. “Un sfida – queste le parole di Oliverio – da far tremare le vene ai polsi”.

Unanime il coro degli amministratori locali, che hanno preso la parola, circa 50 che hanno parlato anche nome di interi territori con in testa il presidente dell’Anci, dei presidenti di Provincia, dei rappresentanti degli Ordini professionali di medici, infermieri e farmacisti: “siamo tutti con te presidente, come sindaci e come cittadini, senza differenziazione di appartenenza politica, chiamati a badare alla salute dei calabresi stanchi di partire con le valigie piene di cartelle sanitarie, stanchi di una sanità commissariata, chiusa a riccio che non vuole conoscere la realtà che vive quotidianamente la gente di Calabria. La sanità va discussa con chi è al fianco degli ammalati e della popolazione”.

Non c’è più tempo: “questa è una battaglia per difendere un diritto sancito dalla costituzione e noi sindaci vogliamo esercitare un ruolo da protagonisti. Non più scorciatoie: “la responsabilità della politica sanitaria deve essere riconsegnata nella mani di chi è stato eletto democraticamente”.

La misura è colma: “abbiamo bisogno di ordinarietà. Viviamo momenti di trincea. Spesso ci dobbiamo arrendere difronte alle legittime richieste dei nostri cittadini. Chiediamo che la gestione straordinaria diventi ordinaria. Riconquistiamo, a partire da oggi, attraverso questa assemblea per la quale ringraziamo il presidente Oliverio, il senso di comunità che ci appartiene”. Non vogliamo la testa di Scura: “diciamo alla Lorenzin che la Calabria si vuole autogestire. Non mollare presidente Oliverio. Siamo tutti con te”.

Al termine, il presidente dell’Anci e sindaco di Pizzo Gianluca Callipo ha sottoposto all’assemblea un documento “per rafforzare la posizione del presidente della Regione difronte al ministro Lorenzin” nel quale si richiede per iscritto di mettere fine con urgenza al commissariamento e la possibilità di rinegoziare il Piano di rientro”.

Al termine della riunione i sindaci hanno sottoscritto un documento in verrebbe certificato “il fallimento delle gestioni commissariali: dal mancato risanamento economico, al rispetto dei Lea, alla emigrazione sanitaria passiva. Tutto ciò, dopo otto anni di piano di rientro e sette anni di commissariamento non è più sostenibile”.

Per questo l’assemblea dei sindaci calabresi ritiene urgente il superamento della gestione commissariale e la rinegoziazione del piano di rientro. I sindaci calabresi condividono e dichiarano pieno sostegno alla iniziativa assunta dal Presidente della Giunta regionale.

(ultimo aggiornamento 17:57)