Allenatore sorvegliato speciale a bordo campo, arrestato

Reggio Calabria Cronaca

La Polizia di Reggio Calabria ha arrestato Natale Iannì, 50enne allenatore dell'Asd Reggiomediterranea 1986, per violazione della sorveglianza speciale.

L'arresto, secondo quanto riporta oggi "il Quotidiano del Sud" è avvenuto ieri subito dopo la partita Reggiomediterranea-Scalea, giocata sul campo di Bovetto, a Reggio Calabria, che ha visto Iannì a bordo campo nelle vesti di allenatore guidare la sua squadra alla vittoria per 1-0. Iannì, che allenava anche prima dell'arresto avvenuto nel 2010 nell'ambito dell'operazione Alta Tensione, è stato condannato in primo e secondo grado per associazione mafiosa ed è in attesa del terzo grado di giudizio in Cassazione.

Dopo la scarcerazione ha ottenuto, poche settimane fa, l'ingaggio da allenatore, ma il suo ritorno in panchina, in attesa di giudizio definitivo, ha suscitato polemiche. Giovedì scorso gli è stata notificata la sorveglianza speciale emessa dal Tribunale misure di prevenzione, e ieri è stato arrestato dalle Volanti per avere violato le prescrizioni che gli impongono, tra l’altro, di non partecipare a manifestazioni pubbliche.

h 12:05 | DETTAGLI | Ieri pomeriggio, alle ore 14:20, personale della Polizia di Stato in servizio presso l’Ufficio Volanti, ha arrestato Natale Iannì all’interno del campo di calcio Longhi-Bovetto di Croce Valanidi di Reggio. L’allenatore, nonostante fosse sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di Reggio Calabria per 3 anni, ha violato gli obblighi derivanti dalla misura di prevenzione, per partecipare, in veste di allenatore all’incontro di calcio “Reggiomediterranea – Scalea”, valevole quale gara del Campionato di Eccellenza.

Al fine di scongiurare eventuali problemi di ordine pubblico, tenuto conto della numerosa partecipazione dei tifosi, gli agenti hanno aspettato la fine dell’incontro per arrestare l’uomo.

Dell’avvenuto arresto è stato dato avviso all’autorità Giudiziaria che ha disposto per Iannì il regime di detenzione domiciliare, in attesa del rito direttissimo previsto per la giornata odierna.