In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Corso in ematologia e oncologia, conclusa a Catanzaro la seconda parte

Catanzaro Salute

Si è svolta ieri, venerdì 24 novembre, la seconda parte del X corso di formazione in ematologia e oncologia - curato dal dottore Stefano Molica, direttore del dipartimento di Oncoematologia dell’Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro – tenutosi presso la Casa delle Culture, di cui uno dei temi centrali è stato quella della “Innovazione farmaceutica in Ematologia e Oncologia”.

Diversi i relatori che si sono succeduti nel corso delle due sessioni che hanno approfondito argomenti inerenti, tra gli altri, la terapia dell’anziano con leucemia acuta mieloide; la terapia ferrochelante nei pazienti con sindrome mielodisplastica - nel pomeriggio - profili di responsabilità medica nelle scelte terapeutiche innovative.

“L’endpoint è importantissimo nella leucemia mieloide cronica perché ha cambiato radicalmene l’atteggiamento che si ha con i pazienti. – ha specificato Massimo Breccia, dell’Istituto di Ematologia all’Università La sapienza Roma – Da quando iniziamo in alcuni pazienti, soprattutto i giovani, cerchiamo di intensificare la terapia per arrivare più rapidamente ad una risposta molecolare profonda e quindi arrivare anche alla sospensione della terapia”.

La sfida dei nuovi farmaci nella terapia ferrochelante, difatti, è importante soprattutto in pazienti con sindrome mielodisplastica, come evidenziato dal direttore scientifico Irccs-Crob di Rionero al Vulture, Pellegrino Musto: “Fino a poco tempo fa questa terapia veniva definita di supporto che ora sta assumendo un ruolo importante in questo tipo di pazienti dimostrando che attraverso questo trattamento che tende a ridurre il carico di ferro indotto dalle trasfusioni, si possono osservare dei vantaggi clinici importanti nei pazienti in termini di sopravvivenza” ed infine “Altri scenari riguardano la biologia del sovraccarico di ferro che può essere modificata attraverso questo tipo di trattamento per quanto riguarda altri tipi di pazienti che può avere una certa importanza anche per quanto riguarda la risposta ematologica con diminuzione di trasfusioni”.

Ampio spazio è stato dedicato a due importanti tematiche quali la responsabilità medica nelle scelte terapeutiche innovative e ai cambiamenti che si sono avuti in ambito della responsabilità professionale con la Legge Gelli, magistralmente esposte dal procuratore della Repubblica di Venezia, Adelchi D’Ippolito, e dalla legal bussines partner della Roche, Sara Gorza: “La Legge Gelli ha l’obiettivo preciso di assicurare un’efficacia tutela al paziente. - ha evidenziato il procuratore D’Ippolito, proseguendo - Oltre a garantire serenità al medico nell’espletare la sua professione che deve preoccuparsi solo di curare i malati e non di una possibile azione giudiziaria che potrebbe palesarsi dopo”.

“Per un medico è importante avere la piena consapevolezza dei propri diritti e di quanto prevede il legislatore a propria tutela anche alla luce dei recenti interventi normativi o sentenze che hanno riconosciuto come chiave il ruolo del medico quale unico decisore e responsabile nelle scelte terapeutiche” ha sottolineato Gorza nell’illustrare quali responsabilità vengono riconosciute al medico.

Tante le tematiche affrontate nel corso della seconda giornata di formazione professionale, ben contestualizzate nella realtà professionale calabrese ancora vincolata a livello gestionale a un rigido piano di rientro regionale, per le quali sono stati coinvolti tutta una serie di stakeholder a livello regionale che hanno dato un contributo significativo alla implementazione sempre maggiore di approcci terapeutici innovativi.

L’ultimo appuntamento del X corso in Ematologia e Oncologia è per il prossimo 1 dicembre, durante il quale verrà affrontato il tema degli aggiornamenti in oncologia.