In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Omicidio in Emilia. 31enne di Cutro freddato davanti casa

Crotone Cronaca

Prima hanno bruciato l'automobile, poi sono andati davanti casa sua, lo hanno fatto uscire è lo hanno ucciso. È successo a Villanova di Reggiolo dove, intorno alle 23 di ieri sera, è stato ammazzato Francesco Citro, 31enne originario di Cutro, nel crotonese, sposato e padre di due bambini.

Quella di Citro è stata la terza macchina data alle fiamme nel giro di 10 giorni nella zona. Le forze dell’ordine, dunque, non hanno alcun dubbio sulla matrice dolosa dell’incendio, dal momento che vicino il mezzo hanno anche ritrovato una tanica di benzina. Le indagini puntano ora a ricostruire il movente.

L'uomo abitava in una palazzina denominata “Corte Agnese”, in via Papa Giovanni XXIII a Villanova, frazione di Reggiolo. Poco dopo le 20 ignoti hanno dato alle fiamme la sua Volkwagen Golf.

Ad accorgersi del fuoco è stato un ragazzo che era appena rientrato dal lavoro; poco dopo dal palazzo è uscito lo stesso Citro con un amico che usando un estintore di cui l'edificio è dotato hanno spento le fiamme.

Immediata anche la chiamata al 115. I vigili del fuoco di Guastalla sono arrivati sul posto con due squadre e due mezzi. L'incendio era già stato domato, ma i pompieri hanno messo in sicurezza l'auto diesel staccando i cavi della batteria.

Alcuni minuti dopo, sul luogo dell'incendio, è arrivata anche una pattuglia dei carabinieri del Nucleo radiomobile di Guastalla per avviare le indagini del caso.

Tre ore dopo l'incendio dell'auto uno o più ignoti si sono di nuovo presentati davanti alla casa di Citro. Sono partite urla, qualcuno racconta che l'uomo sia stato invitato ad uscire dall'abitazione.

Fatto sta che il 31enne ha aperto la porta e qui è stato ammazzato con degli spari a bruciapelo. Sul posto si sono precipitati i carabinieri di Reggiolo, Guastalla e Reggio Emilia e il comandante provinciale dei carabinieri colonnello Antonino Buda, oltre al pm di turno, Valentina Salvi.