In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Castrovillari, consiglio dei ragazzi: presentata la squadra del mini governo

Cosenza Politica

Questa mattina, nel salone delle adunanze consiliari di Castrovillari, alla presenza dell’Amministrazione comunale, di consiglieri municipali, docenti e genitori, durante il Consiglio comunale dei Bambini e dei Ragazzi, appartenenti agli Istituti Scolastici di elementari e medie della città, è stata presentata solennemente dal piccolo Sindaco, Nicola Rubino-appena indossata la fascia e appena fatto l'appello nominale-, la mini Giunta e dopo che, nella precedente seduta, la giovanissima Assise cittadina aveva designato presidente dell’Assemblea Martina Manfredi.

La convocazione è stata fatta dal primo cittadino, Domenico Lo Polito che ne ha guidato, discretamente, i primi adempimenti. Questi durante il momento ha sottolineato l'impegno dell'amministrazione per la scuola richiamando pure il progetto contro il bullismo che presto coinvolgerà, sensibilizzando gli adolescenti. La portata del mini Consiglio è stata richiamata pure, a conclusione dei lavori, dalla presidente della commissione cultura, Serena Carrozzino, dal vice sindaco, Francesca Dorato, e dalla referente per il progetto Verticalia, Cristina Cosentino.

Queste hanno ringraziato istituzioni e famiglie per il coinvolgimento e quanti si sono adoperati in più modi, tra dirigenti, responsabili e docenti, come la professoressa Anna De Gaio per aver coordinato gli istituti scolastici coinvolti nel progetto e per l'aiuto dato nel raccordo.

Questa la baby Giunta con le competenze: il sindaco Nicola Rubini, della media, si occuperà di pubblica istruzione, politiche educative ed iniziative culturali; Danila Mari ,del primo circolo, seguirà sport, tempo libero, spettacolo e pari opportunità; Alessandro Esposito , del Vittorio Veneto, si interesserà dei diritti dei bambini, degli adolescenti e delle politiche per la famiglia; Giovanni Stivala, del secondo circolo, di sicurezza stradale, trasporti e segnaletica; Valentina Patella, sempre del secondo circolo, di legalità, bullismo, solidarietà ed assistenza ai giovani ed anziani; e Antonio Tolisano, del primo circolo, di politica ambientale ed urbanistica. Le funzioni di segretario sono state affidate Alessia Montilli della scuola media.

I neo mini assessori come alcuni ragazzi del consiglio durante la seduta hanno posto alcuni punti su cui coinvolgere a partire da uno sguardo attento ai più deboli nelle scuole e non solo.

I mini consiglieri che definiscono, invece, il parlamentino dei bimbi - lo ricordiamo solo per onor di cronaca- sono: Pierfrancesco Botta, Luigi Forte, Alessandro Chiaramonte, Gheslania Fasanella, Giuseppe Cirigliano, Martina Manfredi, Sara Sallorenzo, Cristiana Dattoli, Sara Grandi, Martina Bianco, Domenico Severino, Sofia Torsello, Michele Pignataro, Alessandro Barletta e Aleandro Donadio.

Il “tenero” organismo, nato dal lavoro sinergico istituzione-scuola-genitori, e salutato pure dal consigliere regionale Mimmo Bevacqua che si trovava in Comune per un incontro, è configurato come regolamenta la delibera di Consiglio n. 44 del 7 giugno 2016 e prende vita per la promozione della partecipazione istituzionale dei bambini alla vita politico ed amministrativa della Comunità locale.

L’esperienza, per la crescita culturale dei ragazzi, la conoscenza e graduale consapevolezza dei ruoli pubblico-amministrativi che si svolgono oggi e si elaborano, bisognosi di quella cittadinanza attiva, è parte di una sussidiarietà irrinunciabile; questa è fondamentale per uno sviluppo inclusivo, che oggi occorre saper accompagnare per permettere che in esso avvengano effettive esperienze di acquisizione critica e personale di una concezione globale dell’esistenza che non escluda alcun aspetto della realtà.

“Un’opportunità civica - ha commentato il Sindaco, Domenico Lo Polito, a margine della seduta mini consiliare- che ci aiuta a recepire impulsi, a guardare meglio avanti e a ad andare incontro a quella democrazia partecipata che non può fare a meno di ciascuno. Ciò per rendere azioni che non dimentichino nessuno nel coinvolgimento sociale trasversale, importante per riscoprire il senso del vivere insieme in quel viaggio straordinario che si svolge nel tentativo continuo di porre sempre nuovi fattori per la crescita del bene comune, bisognoso pure di un sorriso oltre che del tentativo libero, creativo ed originale di misurarsi con l'esistente.”