In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Diabete: giornata mondiale con medici, studenti e pazienti del Mater Domini

Catanzaro Salute

L’Azienda Ospedaliero-Universitaria Mater Domini condivide la Giornata Mondiale del Diabete 2017 con medici, studenti e pazienti.

"La Giornata Mondiale del Diabete - informa una nota - ha l’obiettivo di sensibilizzare e informare l’opinione pubblica sul diabete, sulla sua prevenzione e gestione.

Quest'anno la Giornata Mondiale del Diabete intende sottolineare in modo particolare l'importanza di un equo accesso alle cure per le donne con diabete o a rischio di svilupparlo. Accesso alle cure significa ai farmaci, alle tecnologie, alle informazioni e ai supporti necessari per essere il più possibile autonome e protagoniste nella gestione e nella prevenzione del diabete ottenendo così i migliori risultati. La donna è l’artefice della salute e del benessere della famiglia e della comunità: “Le donne sono la chiave per adottare uno stile di vita sano, per il benessere delle generazioni future”.

La U.O. di Malattie del Metabolismo e la U.O. di Medicina Interna dell'Azienda Mater Domini, che quotidianamente si prendono cura delle persone affette da Diabete, in occasione di tale evento - si legge - si impegnano ogni anno ad organizzare anche a Catanzaro tale manifestazione. Quest’anno si è scelta come sede dell’iniziativa l’Azienda Ospedaliera-Universitaria Mater Domini Catanzaro che si è resa disponibile all’iniziativa mettendo a disposizione spazi e mezzi.

In questa giornata dedicata al diabete, - si legge infine - verranno allestiti dei tavoli per lo screening del diabete alle persone che per vari motivi afferiscono alla struttura. Si ritiene utile ed opportuno estendere tale programma di prevenzione anche a tutti i dipendenti della struttura (Azienda ed Università) al fine di sensibilizzare anche gli addetti ai lavori sui vari aspetti di tale condizione patologica ormai così diffusa."