In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

“Mi hai rubato il marito, t’ammazzo”: sequestrata e picchiata da quattro donne

Vibo Valentia Cronaca

Erano partite in mattinata dalla provincia di Reggio Calabria, dove risiedono, alla ricerca di una loro connazionale che hanno poi raggiunto a Vibo Valentia, in Piazza Spogliatore.

Alla vista della donna il gruppo, composto da quattro marocchine di età compresa tra i 41 e i 59 anni, ha così iniziato ad aggredirla colpendola con un ombrello per poi farla salire di forza su un’auto, all’interno della quale avevano continuato ad assalirla strappandole i capelli e minacciandola di morte, riferendole testualmente: “ti ammazzo, mi hai preso mio marito, ti porto a Reggio e ti ammazzo”. Poi le avevano sottratto 650 euro in contanti e vari monili.

Brutta avventura quella vissuta stamani da una 50enne, connazionale delle quattro assalitrici. Alla base del sequestro e dell’aggressione, si è poi appreso, un’attuale relazione amorosa che la vittima aveva intrapreso con l’ex marito di una delle quattro.

La vittima, intanto, una volta arrivati nei pressi di Contrada “Catalano” è riuscita a liberarsi, dando un calcio alla portiera della vettura costringendola a fermarsi. Proprio in quel frangente sono arrivati i carabinieri, chiamati da un automobilista che aveva visto la vettura zigzagare pericolosamente.

Le donne sono state così fermate e portate in caserma. Nel corso della perquisizione del mezzo i militari vi hanno ritrovato il denaro e uno dei gioielli sottratti alla 50enne.

Grazie al provvidenziale intervento dei carabinieri, dunque, è stato impedito che le straniere portassero a compimento la loro azione. La malcapitata, invece, dopo essere stata curata nel pronto soccorso dell’Ospedale di Vibo Valentia è stata dimessa avendo riportato una contusione alla spalla destra e una cefalea post traumatica.

Le quattro sono state invece poste ai domiciliari in attesa del rito direttissimo. Dovranno rispondere dei reati di sequestro di persona, percosse, lesioni personali e rapina.