In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Palazzina esplosa nel milanese, Manno fa scena muta

Calabria Cronaca

Si è avvalso della facoltà di non rispondere, Roberto Manno, il giovane di 25 anni appartenente alla famiglia di 'ndrangheta radicata a Pioltello.

Il giovane, in carcere da lunedì, è stato arrestato perché ritenuto il presunto responsabile dell’esplosione di una palazzina, lo scorso 10 ottobre, per intimidire un operaio ecuadoriano di 45 anni e farsi consegnare da lui una somma di denaro nell'ambito di un prestito usurario.

Le accuse che gli sono contestate dai pm Ilda Boccassini e Paolo Storari sono di detenzione di materiale esplodente, estorsione e usura, aggravati in quanto commessi con modalità mafiose. Il ragazzo è inoltre accusato di un pestaggio a colpi di spranga ai danni di un uomo che avrebbe avuto con lui un debito di droga.

L'atto intimidatorio di qualche giorno fa, "diretto in modo non equivoco a farsi consegnare la somma di 32mila euro", sostengono gli inquirenti, era arrivato un'ora e venti minuti dalla scadenza imposta per la consegna dei soldi. Il prestito era stato concesso al figlio dell'operaio residente nella palazzina.

Manno, incensurato, è figlio del 56enne Francesco Manno e nipote del 53enne Alessandro, attualmente in carcere perché rispettivamente condannati a 9 e 15 anni per associazione mafiosa nell'ambito dell'inchiesta 'Infinito', e ritenuti i presunti capi della locale di Pioltello.