In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

L’Italia del meridione nomina la nuova referente Idm donne

Calabria Politica

L’Italia del Meridione è un Movimento che ha trovato nei giovani (IDM GIOVANI) una leva importante ma riteniamo altresì funzionale alla crescita dello stesso e evidentemente in linea con l’impostazione dei vari Dipartimenti di cui il movimento ha inteso avvalersi, investire e dare maggiore forza e vitalità alla sezione IDM DONNE”. Queste le parole espresse dal Segretario Regionale Nicodemo Filippelli dopo la nomina della nuova referente regionale di IDM DONNE: Gabriella De Seta. Già referente regionale del Movimento De Seta subentra a Sabrina Pacenza, che per motivi professionale ha deciso di rimettere la carica, “A lei va il nostro più sincero e sentito ringraziamento per il lavoro svolto, certi che il suo contributo continuerà ad essere importante e sempre in prima linea”, questo l’encomio del Movimento.

Da parte sua la neoeletta si è così espressa: “La formalizzazione di una sezione femminile non ha nulla a che vedere con anacronistiche considerazione in merito al valore, al ruolo, alle considerazioni di genere o parità, il nostro è un Movimento che partendo dal basso ha sempre fatto proprio il senso d’inclusione sostanziale e non solo formale e questa è anche la nostra forza. IDM DONNE è semplicemente un ulteriore strumento di cui avvalerci nella condivisione d’intenti per discutere e prendere parte anche nei contesti istituzionali e ufficiali a trattazioni specifiche (Welfare-Sociale-Lavoro-Scuola), organo funzionale alla divulgazione di messaggi e contenuti del Movimento e per poter esprimere con forza e convinzione anche la nostra idea di una nuova politica che deve mirare a considerare le donne non soltanto un obbligo formale, giusto o necessario ma ovvio.

Il divario di genere mina la legittimità stessa di un sistema democratico, fortemente compromesso dal perdurare di una disuguaglianza che ancora oggi rimane altissima e gli ultimi dati statistici confermano la necessità di un fenomeno che non può essere ignorato. La consapevolezza di questo divario nell’impegno istituzionale deve spronare ad azioni mirate anche a partire dai contesti più piccoli come i comuni e poi gli enti provinciali e regionali, dove la nostra sempre più pregnante presenza s’impegnerà ad istituire tavoli su tali argomentazioni.

Agire partendo dai propri territori e comunità, intendere esigenze e problematiche, offrendosi non solo all’ascolto ma anche alla realizzazione di momenti d’incontro per formalizzare azioni concrete da proporre nei disparati contesti della politica e della società, questo il mio impegno.

Tutti gli organismi pubblici, a qualunque livello, dovrebbero essere incoraggiati ad adottare strategie che permettano alle voci delle donne, in tutta la loro diversità, di essere udite, di partecipare e di essere rappresentate. Essere elettrice significa anche essere elette, oggi è senza dubbio quanto mai paradossale dover discutere ancora in termini di acquisizione di diritti attraverso la legge ma, come è considerato da molti, è un male necessario al raggiungimento e al riconoscimento reale del proprio ruolo. E vengono in mente, allora, le parole di quelle grandi donne che il mondo l’hanno cambiato davvero, come Marie Curie, prima scienziata a vincere ben due Premio Nobel, che scrisse:

"Non si presta mai attenzione a ciò che è stato fatto; si vede soltanto ciò che resta da fare”.

Molto rimane da fare ma tanto è stato fatto, ma nel rispetto di ciò che c’è stato lasciato in eredità siamo chiamate oggi a perseguire se non più la strada della protesta, delle rivendicazioni, delle lotte per il riconoscimento dell’uguaglianza, quella dell’agire aprendo così un dibattito politico nuovo che s’incentri sulla condivisione degli intenti e d’impegni reciproci nel rispetto dei ruoli.

Questa è la strada che vuole perseguire l’Italia del Meridione e di tutto questo nel ruolo che mi è stato affidato me ne farò portavoce”.