In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Sanità: Cgil, ci sono responsabilità del Commissario al piano di rientro

Calabria Salute

Le gravi condizioni della sanità calabrese sono pagate quotidianamente dai cittadini. Carenze infrastrutturali, rete di emergenza-urgenza inadeguata, mobilità sanitaria interregionale, liste di attesa lunghissime, atti aziendali Asp inapplicati, Lea lontani dai parametri minimi, medicina territoriale da inventare, ricorsi ad accreditamenti delle strutture private eccessivi, case della salute mai partite, sono alcune delle criticità che rendono il sistema della salute pubblica calabrese un colabrodo.

Le esternazioni eclatanti del Presidente delle Giunta Regionale Calabrese fatte a ridosso del viaggio di Matteo Renzi in Calabria e dopo la venuta di quattro Ministri a Cantiere Calabria sono risultate incomprensibili, alla luce delle rassicurazioni che il Governatore aveva dato ai cittadini calabresi sul sostegno e la vicinanza del Governo alla Calabria. - È quanto si legge in una nota diffusa dalla Segreteria regionale Cgil Calabria -

Sulla sanità ci sono responsabilità evidenti del Commissario al piano di rientro, ma ci sono altrettante responsabilità della Giunta Regionale che nomina i Direttori generali delle Asp. Che fine hanno fatto i nuovi ospedali? È corretto presentare la costruzione dei nuovi Ospedali mentre non si riescono a far partire le procedure per la costruzione degli altri tre per inconcludenza della burocrazia? Perché non si da seguito gli atti aziendali? Perché non si assume il personale necessario e si stabilizza il precariato?

Se la giunta regionale voleva seriamente fare una battaglia negli interessi della salute dei cittadini calabresi - si legge ancora - avrebbe dovuto individuare un dialogo costruttivo con la struttura commissariale così come avvenuto in altre regioni ed auspicato e consigliato dalla Cgil, o altrimenti, impugnare e fare battaglia politica sui contenuti del piano di rientro contro il Governo che ha nominato la struttura Commissariale, e da subito aprire una discussione in Calabria sulla salute, con i Sindaci, le parti sociali, i cittadini, gli operatori, le associazioni e non ingaggiare una battaglia personale con la struttura commissariale che ha dato l’idea di uno scontro di potere. Non si può stare al Governo a Roma e all’opposizione in Calabria e questo i cittadini calabresi lo hanno capito.

I problemi della salute in Calabria - si legge infine - sono complessi e ai cittadini calabresi poco interessa se al Governo della sanità ci sia un tecnico o un politico. La frattura tra la struttura commissariale è profonda e insanabile, soprattutto se chi ha competenze tecniche assurge a ruoli politici, ma riteniamo sarebbe un errore far tornare a questa politica la sanità calabrese, che nel tempo ha mostrato il peggio di se, tra clientele, localismi, scontri di potere, gestioni familistiche. Il 16 novembre scenderemo in piazza anche per questo, per aprire la vertenza salute e per ribadire che la sanità calabrese ha necessità di essere garantita da figure autorevoli e competenti.”