In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

In Calabria crescono gli agriturismo, +16% in un anno

Calabria Attualità

È in aumento la percentuale di agriturismi in Calabria. Secondo l’ultimo rilevamento annuale dell’ISTAT sull’offerta agrituristica in Italia, riferito al 2016, le aziende attive nel settore sono 605, a fronte delle 521 strutture del 2015 e le 461 del 2007, anno di inizio della rilevazione. Così in dieci anni l’aumento nella nostra regione è aumentato del 31,24%, mentre la crescita in un anno (2015-2016) è stata del 16,12%.

In Italia le strutture sono invece 22.661, con un incremento di 423 (+1,9%) rispetto al 2015. Crescono più dell’insieme le aziende che offrono osservazioni naturalistiche (+19%), degustazioni dei propri prodotti (+9%), passeggiate a cavallo e attività didattiche (+7%), escursioni (+6%), trekking (+5%), ed attività ricreative e culturali varie (+4%). E’ inferiore alla generalità delle aziende la crescita degli agriturismi che offrono alloggio (+1,8%) e ristorazione (+1%), ma è superiore alla media l’incremento dei posti letto (+3%), delle piazzole per campeggio (+7%) e dei posti tavola (+3%).

I PRINCIPALI SERVIZI DI ACCOGLIENZA

Offrono alloggio la totalità delle aziende agrituristiche dell’Umbria; seguono la Toscana (97%), la Calabria (93%), la Puglia (92%), la Sicilia (91%) e le Marche (90%). La più alta percentuale di aziende che offrono ristorazione si riscontra in Calabria (88%), Campania (86%), Molise (82%) e Sardegna (81%). L’offerta di una o più attività di animazione (culturali, didattiche, sportive, escursionistiche ecc.) è più frequente negli agriturismi di Sicilia (92%), Umbria (87%), Campania (85%), Calabria (82%).

Complessivamente, nel 2016, le aziende agrituristiche con alloggio sono l’82%, con ristorazione il 50%, con una o più attività di animazione il 52%. La più alta frequenza del servizio di alloggio si registra nelle Regioni del Centro (89%), mentre per ristorazione e attività di animazione prevalgono nettamente le Regioni di Sud e Isole (rispettivamente 80% e 67%).

Confrontando i dati del 2016 con i dati del 2007, si riscontra che le medie per area geografica relative all’alloggio presentano variazioni intorno al punto percentuale, mentre per ristorazione e attività di animazione le variazioni sono più sensibili: l’incidenza della ristorazione è diminuita al Nord (-2 punti %) e cresciuta al Centro (+3 punti %); quella delle attività di animazione è cresciuta notevolmente al Sud (+5 punti %) e, sia pure in misura più contenuta, al Nord (+3 punti %).

Tuttavia le medie sono il risultato di variazioni regionali di segno opposto, in alcuni casi molto sensibili: diminuiscono, ad esempio, di oltre 5 punti percentuali le aziende che offrono alloggio in Piemonte e Trentino Alto Adige, mentre aumentano, più o meno nella stessa misura, in Liguria e Veneto; al Sud, cresce sensibilmente la frequenza dell’alloggio in Sardegna (+5 punti %) e in Campania (+4 punti %), mentre diminuisce nettamente in Puglia (-7 punti %) e, in misura più contenuta, in Basilicata e Calabria.+

Variazioni di segno opposto anche più rilevanti riguardano le aziende che offrono ristorazione, come in Sicilia (-13 punti %) o in Basilicata (+23 punti %), Abruzzo e Valle d’Aosta (+14 punti %). La frequenza delle attività di animazione cresce particolarmente in Liguria (+27 punti %) e Campania (+24 punti %), mentre decresce fortemente in Sardegna (-15 punti %) ed Emilia Romagna (-13 punti %).

Nel 2016 il numero di aziende agrituristiche cresce del 1,9%, meno che nell’anno precedente (in cui si è registrato un +2,3%), meno della media del quinquennio 2012-2016 (+2,1%) e soprattutto meno della media del quinquennio 2007-2011 (+4%).

Il rallentamento del ritmo di crescita è dovuto, non tanto alla diminuzione delle nuove aziende autorizzate (che anzi nel quinquennio 2012-2016 sono aumentate del 7% rispetto al quinquennio precedente), quanto al forte incremento delle aziende agrituristiche che hanno cessato l’attività (+55% nell’ultimo quinquennio rispetto al precedente).

Gli agriturismi sono soprattutto presenti in collina (52%) e montagna (32%); nel decennio 2007-2016 tende a crescere l’incidenza degli agriturismi in collina (+1 punto %) e in pianura (+2 punti %). L’attività agrituristica è condotta da donne nel 36% delle aziende, una quota sensibilmente superiore a quella che si riscontra nell’insieme delle imprese agricole (29%), in leggera crescita (+1 punto %) rispetto al 2007. Le aree geografiche presentano forti divari della conduzione da parte delle donne: nelle Regioni del Sud, gli agriturismi “al femminile” sono il 45%, in quelle del Nord-Est il 24%.

Le Regioni dove si riscontra il maggior numero di agriturismi sono Toscana (4.518) e Trentino Alto Adige (3.581). La maggior concentrazione di offerta di agriturismo è localizzata nella Provincia autonoma di Bolzano con 3.150 aziende.

La Regione che, rispetto al 2007, segna nel 2016 il maggior incremento di aziende è la Puglia (+185%), seguita dalla Sicilia (+80%). Per frequenza dei principali servizi di accoglienza, sono ai primi posti: l’Umbria per l’alloggio (100% delle aziende), la Calabria per la ristorazione (88%), la Sicilia per le attività di animazione (92%).